Tratto dallo speciale:

Incentivi imprenditoria femminile 2022: bandi online, calendario domande

di Alessandra Gualtieri

Imprenditoria femminile 2022: guida agli incentivi MiSE e PNRR sotto forma di contributi a fondo perduto e finanziamenti agevolati.

Al via il Fondo impresa femminile del MiSE che incentiva l’avvio ed il consolidamento di nuove attività imprenditoriali, destinandovi complessivamente 200 milioni di euro (160 milioni di fondi PNRR e 40 milioni stanziati dalla Legge di bilancio), con l’obiettivo di supportare la nascita e lo sviluppo delle imprese femminili.

Bandi imprenditoria femminile 2022

Con decreto 30 marzo 2022 sono stati stabiliti i termini e le modalità per la presentazione delle domande. Da maggio si potrà dunque presentare domanda per gli incentivi, erogati sotto forma di contributi a fondo perduto e finanziamenti agevolati, con procedura a sportello secondo le seguenti date.

  • Avvio nuove imprese femminili (o costituite da meno di 12 mesi): compilazione domande dalle ore 10:00 del 5 maggio, presentazione istanze dalle ore 10:00 del 19 maggio;
  • Sviluppo di imprese femminili (costituite da oltre 12 mesi): compilazione domande dalle ore 10:00 del 24 maggio, presentazione istanze dalle ore 10:00 del 7 giugno.

Gli sportelli per la presentazione delle domande saranno gestiti da Invitalia per conto del Ministero dello sviluppo economico.

Le agevolazioni sono concesse previa presentazione di progetti di investimento nei settori industria, artigianato, trasformazione dei prodotti agricoli, commercio, turismo e fornitura dei servizi. Le iniziative devono essere realizzate entro 24 mesi dalla data concessione delle agevolazioni e prevedere spese ammissibili non superiori a 250mila euro per avvio di una nuova impresa o 400mila euro per il consolidamento di imprese già esistenti. L’avvio di nuove attività imprenditoriali sarà inoltre supportato tramite percorsi di formazione e servizi di assistenza tecnica e gestionale.

Sovvenzioni imprenditoria femminile

Gli incentivi solo rivolti ad imprese a prevalente partecipazione femminile e lavoratrici autonome, con sede legale e/o operativa sul territorio nazionale.

Agevolazioni a fondo perduto per donne

  • 80% delle spese ammissibili (ma non oltre 50mila euro), per programmi con spese fino a 100mila euro;
  • 50% delle spese ammissibili, per programmi con spese tra 100mila e 250mila euro.

Contributi e restiti imprenditoria femminile

  • per le imprese femminili costituite da non più di 36 mesi: 80% delle spese ammissibili, in egual misura in forma di contributo a fondo perduto e finanziamento agevolato;
  • per le imprese femminili costituite da oltre 36 mesi: stessa agevolazione più una ulteriore quota destinata ad esigenze di capitale circolante costituenti spese ammissibili, in forma del contributo a fondo perduto.

Requisiti per la domanda