Tratto dallo speciale:

Smart Money per Startup innovative: incentivi dal 24 giugno

di Redazione PMI.it

scritto il

Smart Money al via per start-up innovative con progetti di sviluppo: contributi a fondo perduto per servizi dell'ecosistema italiano dell’innovazione.

A partire dalle 12.00 del 24 giugno 2021 sarà possibile presentare la domanda online sulla piattaforma di Invitalia riservata alle startup innovative che vogliono ottenere l’incentivo statale Smart Money, che si traduce in:

  • un contributo a fondo perduto per l’acquisto di servizi erogati da incubatori, acceleratori, innovation hub e soggetti pubblici o privati che operano nel settore dei servizi per lo sviluppo di imprese innovative (importo massimo di 10.000 euro fino all’80% delle spese ammissibili);
  • investimenti nel capitale di rischio da parte di business angels e investitori qualificati (contributo a fondo perduto pari al 100% dell’investimento nel capitale di rischio, nel limite complessivo di 30.000 euro: per ottenerlo, l’operazione deve essere in equity e di importo superiore a 10.000 euro, non deve raggiungere la quota di maggioranza nel capitale sociale e deve garantire una permanenza per almeno 18 mesi).

Requisiti e beneficiari

  • Piccole imprese, costituite da meno di 24 mesi e iscritte nell’apposita sezione del Registro imprese, nelle prime fasi di avviamento dell’attività o di sperimentazione dell’idea d’impresa (pre-seed), oppure di creazione della combinazione product/market fit (seed), con sede legale e operativa sul territorio nazionale;
  • persone fisiche che intendono costituire una start-up innovativa non oltre 30 giorni dalla data della comunicazione di ammissione alle agevolazioni, con domanda inoltrata al Registro delle imprese.

Ecosistema innovazione

Sono abilitati ad operare nell’ambito dell’incentivo Smart Money: incubatori certificati e acceleratori; innovation hub, ovvero organismi che forniscono alle imprese servizi per introdurre tecnologie, sviluppare progetti di trasformazione digitale, accedere all’ecosistema dell’innovazione a livello regionale, nazionale ed europeo; organismi di ricerca. Sono abilitati ad attuare gli interventi nel capitale di rischio: business angels; investitori qualificati.

Il Ministero dello Sviluppo Economico concede il contributo a fondo perduto  attingendo ad un plafond di 9,5 milioni di euro, riservati alla copertura di spese connesse alla realizzazione di un piano di attività e di sviluppo e per favorire investimenti nel capitale di rischio delle startup innovative. Tutti i dettagli sulla pagina dedicata alla misura.

I Video di PMI