Trattamento Fine Rapporto

In Italia il Trattamento di Fine Rapporto (TFR), rappresenta una porzione di retribuzione dovuta al lavoratore subordinato che viene erogata, dal datore di lavoro, in maniera differita rispetto la cessazione del rapporto di lavoro.

In questa sezione del sito trovi tutte le ultime novità in materia e utili guide per il calcolo del tuo TFR

TFR in busta paga: al via da marzo

Dal primo marzo, quindi dalla prossima settimana, i lavoratori dipendenti potranno scegliere se farsi anticipare o meno il TFR in busta paga utilizzando uno strumento previsto dalla Legge di Stabilità 2015: ricordiamo brevemente cosa deve fare il lavoratore e quali sono gli adempimenti dell'azienda. Per le PMI sotto i 50 dipendenti, c'è la possibilità di chiedere alla banca finanziamenti agevolati per anticipare il TFR in busta paga senza pesare sulla liquidità aziendale. La norma sull'anticipo del TFR, trattamento di fine rapporto, è contenuta nel comma 26 della legge 190/2014, la...

TFR in busta paga: guida pratica

TFR Ottenere l'anticipo del TFR (Trattamento di Fine Rapporto) in busta paga, in ossequio a quanto definito dalla Legge di Stabilità, una possibilità concreta da marzo 2015 per 12mila dipendenti del settore privato (da almeno sei mesi). I lavoratori possono lasciare in azienda o in un fondo pensioni il proprio TFR fino a conclusione del rapporto di lavoro oppure farsene versare mensilmente una parte, ma conservando il vero e proprio "tesoretto" in vista della pensione. => Anticipo TFR: il meccanismo nella Legge di Stabilità 2015 Sperimentazione Il relativo Dpcm (all'esame del...

TFR in busta paga: il modello QU.I.R

Si chiamerà QU.I.R, che sta per Quota maturanda del Trattamento di fine rapporto come parte Integrativa della Retribuzione, la richiesta che, dal prossimo primo marzo, dovranno presentare al datore di lavoro i dipendenti per chiedere l'anticipo del TFR in busta paga. Il decreto attuatitvo della norma inserita in Legge di Stabilità è pronto per essere approvato, quindi tutto sta procedendo nei tempi previsti (confermando la partenza dal primo marzo). Secondo le anticipazioni, nelle aziende sopra i 50 dipendenti la quota maturanda di TFR sarà liquidata mensilmente, mentre nelle piccole...

Fondi Pensione e TFR, rendimenti a confronto

TFR Fondi pensione contro TFR, nel 2014 i rendimenti dei primi battono nettamente quello del trattamento di fine rapporto, che al netto dell'aliquota fiscale dell'11% si è rivalutato dell'1%, contro il 7% delle forme di pensione integrativa. In realtà, in questo caso i calcoli sono effettuati in base alle aliquote fiscali 2014, non tenendo conto quindi delle novità previste dalla Legge di Stabilità 2015, che aumenta la tassazione al 20% (dall'11,5%), ad eccezione dei titoli di stato ai quali si applica il 12,5% (stessa aliquota prevista per quelli posseduti direttamente),...

Rimborso TFR per aziende in fallimento o liquidazione

Fallimento Poiché il lavoratore matura il TFR (Trattamento di Fine Rapporto) anche durante il periodo di cassa integrazione (ordinaria o straordinaria), un'azienda, può richiedere il rimborso delle relative quote versate anche se nel frattempo è stata sottoposta alle procedure concorsuali (fallimento, liquidazione e via dicendo): lo specifica il Ministero del Lavoro nell'interpello 33/2014, in risposta a un quesito formulato dai Consulenti del Lavoro. => Trattamento Fine Rapporto (TFR): novità e istruzioni Maturazione TFR L'assunto è che, anche durante la cassa integrazione, il...

Stabilità 2015, dubbi e critiche sul TFR in busta paga

TFR Lavoratori dipendenti poco entusiasti per l'opzione TFR anticipato in busta paga, ancor più guardando alle ricadute negative sulla previdenza complementare, di pari passo con le nuove regole sui fondi pensione, liquidazione e all'aumento della tassazione della previdenza privata: se ne discute in Commissione Bilancio del Senato, in sede di analisi degli emendamenti alla Legge di Stabilità 2015. Anticipo TFR Secondo un sondaggio SWG, il 67% dei dipendenti non ha intenzione di chiedere l'anticipo, mentre il 16% è indeciso e solo il 17% pensa di farlo. Tra questi, il 45% non...

Rivalutazione TFR: acconto in scadenza

Scadenze del 16 dicembre Scadenza in vista per la rivalutazione TFR, entro il 16 dicembre sostituti d’imposta ed enti previdenziali devono versare l'acconto dell’imposta sostitutiva dell’11% sulle rivalutazioni dei fondi per il trattamento di fine rapporto accumulate al 31 dicembre 2014, pari al 90% dell’imposta totale. A prevedere un incremento automatico annuale del TFR maturato e il conseguente versamento da parte del datore di lavoro o dell’Ente pensionistico, per conto dell’assistito, di un’imposta sostitutiva dell’IRPEF pari all’11% della rivalutazione è l’articolo 2120 del Codice...

Legge di Stabilità: in dubbio Bonus e tagli IRAP

Dubbi sulla Legge di Stabilità Dopo l'approvazione alla Camera, la Legge di Stabilità è giunta all'esame del Senato, dove si stanno affrontando alcune questioni ancora aperte tra le quali gli sconti IRAP per le PMI che assumono e i diversi bonus di supporto al reddito (bonus di 80 euro, anticipo del TFR e bonus bebè). Il dossier del Servizio Bilancio mette in dubbio proprio questi provvedimenti contenuti nella Legge di Stabilità 2015. Vediamo in dettaglio perché. => Legge di Stabilità 2015: le modifiche della Camera Bonus 80 euro Per quanto riguarda la stabilizzazione del bonus di 80 euro in busta paga...

Esodati: regole INPS per TFR e TFS dei salvaguardati

TFR Con il Messaggio n. 8680/2014 l'INPS ha fornito chiarimenti in merito ai termini di pagamento del TFS e TFR per i lavoratori salvaguardati dalla Riforma delle Pensioni Fornero (Legge 214/2011), come i cosiddetti lavoratori esodati, e per i dipendenti il cui rapporto di lavoro è risolto unilateralmente dal datore di lavoro. L'istituto precisa, nello specifico, che i criteri di applicazione dei termini di pagamento del TFS (Trattamento di Fine Servizio) e TFR (Trattamento di Fine Rapporto) e la modalità del pagamento rateale per i lavoratori che cessano dal servizio dopo aver usufruito di...

Legge di Stabilità 2015: ecco gli emendamenti

leggestabilità Gli emendamenti alla Legge di Stabilità presentati in commissione Bilancio al Senato sono stati 3.700, di cui 1.600 dichiarati inammissibili. Ne restano 2100 destinati a diventare 500. Tra quelli presentati spiccano: proposta del Governo di estendere il reverse charge sull'IVA, da tutto l'arco parlamentare modifiche all'anticipo del TFR in busta paga, riduzione IRAP per PMI, no al caro tasse per i fondi pensione, deducibilità IMU per gli immobili produttivi. Vediamo le norme al centro del dibattito e gli orientamenti del Governo. => Legge di Stabilità 2015: le misure...

X
Se vuoi aggiornamenti su Legge di Stabilità 2015: ecco gli emendamenti

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy