Riforma Del Lavoro

Dopo la Riforma del Lavoro del Governo Monti (elaborata dal Ministro Fornero) e le successive modifiche e integrazioni operate dal Governo Letta (Ministro Giovannini), il nuovo Esecutivo Renzi (Ministro Poletti) ha delineato un nuovo programma di riforme che interessano Mercato del Lavoro e Welfare, incentrato sul Jobs Act: testi, proposte di Sindacati e Confindustria, implicazioni per i dipendenti sulle modifiche all'Articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori, agevolazioni per le assunzioni di giovani lavoratori e innovazioni. Scarica il Testo del Ddl Riforma Lavoro e confrontalo con i due provvedimenti del Jobs Act: Decreto Lavoro Poletti e Ddl Delega Lavoro

NASpI, circolare INPS con le istruzioni

Ammortizzatori sociali Tutte le precisazioni sui requisiti necessari per il diritto alla NASpI, calcolo e misura dell'indennità, presentazione della domanda: ecco tutte le istruzioni operative INPS sulla NASpI, l'assicurazione sociale per l'impiego introdotta dalla Riforma Ammortizzatori Sociali del Jobs Act che viene corriposta a coloro che perdono il lavoro a partire dallo scorso primo maggio. => Richiesta NASpI: il servizio INPS online Destinatari NASpI Ecco i dettagli relativi ai requisiti necessari per il diritto alla NASpI: stato di disoccupazione ai sensi dell'articolo 1, comma 2, lettera c...

Lavoro intermittente e accessorio: riforma e novità

Riforma del lavoro La Riforma dei Contratti contenuta nel decreto applicativo del Jobs Act prevede alcune modifiche al lavoro accessorio, mentre resta sostanzialmente invariata la discipline del lavoro intermittente. Vediamo una breve riepilogo di queste forme contrattuali atipiche, in base a quanto previsto dal Dlgs approvato dal Consiglio dei Ministri dello scorso 20 febbraio, ora al vaglio del parlamento per i necessari pareri prima di tornare il Cd, per l'approvazione definitiva. => Riforma Contratii: quali cambiano, restano o spariscono Lavoro accessorio Le norme relative al lavoro accessorio...

Riordino contratti: spazio all’apprendistato

Apprendistato Non introduce cambiamenti fondamentali rispetto a quanto già previsto dalla Riforma dell'apprendistato già contenuta nel Dl 34/2014, ma il decreto attuativo del Jobs Act sul Riordino Contratti, attualmente all'esame del Parlamento per i necessari pareri, organizza tutte le precedenti norme in un unico testo. Tutte le norme sono contenute negli articoli da 39 a 45 del decreto Riordino Contratti. Vediamo in estrema sintesi come si configura il contratto di apprendistato, che era e resta un contratto a tempo indeterminato finalizzato all'occupazione dei giovani. => Riordino contratti:...

Richiesta NASpI: il servizipo INPS online

INPS I lavoratori che perdono il lavoro, a partire dal 1° maggio 2015, percepiscono la NASpI. Se invece la cessazione è avvenuta entro il 30 aprile 2015, il disoccupato continua a percepire ASpI o mini ASpI. Lo precisa l'INPS nel messaggio 2971/2015 che dettaglia tutte le regole relative alla nuova assicurazione sociale per l'impiego, regolamentata dall'articolo 1 del Dlgs 22/2015, attuativo del Jobs Act, la Riforma del Lavoro. => NASpI, ASDI e DIS-COLL: a chi spetta l'assegno Destinatari Sono destinatari della NASpI i lavoratori dipendenti, compresi gli apprendisti, i soci...

Garanzia Giovani, il grande flop

Garanzia Giovani Proposte di lavoro inadeguate, colloqui di lavoro insoddisfacenti, una bocciatura da parte dei giovani: il primo compleanno del programma Garanzia Giovani è accompagnato da critiche che arrivano da diverse parti, mentre il ministero del Lavoro, Giuliano Poletti, è soddisfatto dei 550mila giovani che si sono iscritti al piano, pur ammettendo che «ci sono ampi margini di miglioramento». Il Programma Garanzia Giovani, partito il primo maggio dello scorso anno, si rivolge ai NEET (giovani che non studiano e non lavorano) under 30 con opportunità di ingresso nel mondo del lavoro. =>...

Indennità per collaboratori disoccupati: la domanda INPS

Inps La domanda per ottenere l'indennità per collaboratori disoccupati DIS-COLL va presentata esclusivamente in via telematica a partire dall'11 maggio, fino a questa data si può fare richiesta anche con modello cartaceo o via PEC: tutti i dettagli sulla DIS-COLL, introdotta dalla Riforma Ammortizzatori Sociali attuativa del Jobs Act (il decreto 22/2015), sono contenuti nella circolare applicativa INPS 83/2015. L'indennità spetta a collaboratori coordinati e continuativi, anche a progetto, che perdono involontariamente il lavoro, sono iscritti in via esclusiva alla gestione separata INPS,...

Jobs Act: il bluff delle nuove tutele

Conciliazione lavoro-famiglia Le misure contenute nel decreto attuativo del Jobs Act sulla conciliazione dei tempi lavoro-famiglia sono valide solo per il 2015: per estenderle anche agli anni successivi sono necessari ulteriori decreti attuativi, che individuino adeguata copertura finanziaria. Lo prevede l'articolo 25 del decreto approvato dal Consiglio dei Ministri nel febbraio scorso e ora al vaglio delle commissioni parlamentari. Il provvedimento estende il congedo parentale fino a 12 anni di vita del bambino, potenzia la maternità per lavoratrici autonome e libere professioniste, amplia la possibilità di...

Assegno di disoccupazione più semplice: la guida

naspi Tutte le regole relative ad ASpI e Mini ASpI in materia di oneri contributivi e agevolazioni in caso di assunzione di lavoratori che percepiscono l'assegno di disoccupazione valgono anche per la NASPI: lo rileva la circolare 9/2015 dei Consulenti del Lavoro sul Dlgs 22/2015, il decreto attuativo del Jobs Act sui nuovi ammortizzatori sociali. Non sembra invece applicabile, nel 2015, la norma prevista dalla Riforma del Lavoro Fornero sulla restituzione del contributo dell'1,4% alle imprese che trasformano contratti a termine in tempo indeterminato, in virtù del fatto che per quest'anno...

Licenziamento disciplinare e conciliazione volontaria: diritto alla NASpI

Disoccupazione Il lavoratore che perde il lavoro per licenziamento disciplinare oppure che accetta l'offerta economica proposta dal datore di lavoro in sede di procedura di conciliazione volontaria prevista dall'articolo 6 del Dlgs 23/2015 ha diritto alla NASpI: lo chiarisce l'interpello 13/2015 del ministero del Lavoro, che risponde a specifico quesito posto dalla Cisl. Il sindacato chiedeva se i due casi di licenziamento per motivi disciplinari e di procedura di conciliazione possano essere ricompresi fra quelli di perdita involontaria dell'occupazione che danno diritto alla nuova assicurazione per...

Fondo di solidarietà residuale: ambiti di applicazione

Fondo di solidarietà Con la Circolare n.79/2015 l'INPS ha fornito ulteriori indicazioni in merito all'ambito di applicazione Fondo di solidarietà residuale (ex articolo 3, comma 19, Legge n. 92/2012) e sull’assolvimento del relativo obbligo contributivo, a fronte dei chiarimenti arrivati dal Ministero del Lavoro. => Lavoro: risposte del Ministero agli interpelli I chiarimenti si sono resi necessari poiché il decreto ministeriale n. 79141 del 7 febbraio 2014, istitutivo del Fondo di solidarietà residuale non identifica espressamente i settori in cui devono operare le imprese rientranti nel suo ambito...

X
Se vuoi aggiornamenti su Fondo di solidarietà residuale: ambiti di applicazione

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy