Controlli Fiscali

TARI, tassa rifiuti su posto auto scoperto

Posto auto Mentre in Italia impazza il caos sui rimborsi della TARI, il cui onere - su indicazione del MEF nella nuova circolare esplicativa - grava sui contribuenti vittime piuttosto che sui Comuni responsabili di averla calcolata in eccesso, è bene ricordare che per legge la tassa sui rifiuti è dovuta anche con riferimento agli spazi scoperti adibiti a posto auto, pur se non denunciati, poiché si presume che la superficie sia potenzialmente idonea a produrre rifiuti (cfr. Commissione Tributaria Regionale di Roma, quattordicesima sezione, sentenza n. 5726/16).   => TARI: novità e...

Condono fiscale per ex lavoratori esteri

Esteri Arriva con un emendamento al Decreto Fiscale n. 148/2017 collegato alla Legge di Bilancio 2018, proposto dal senatore Claudio Micheloni del PD e approvato dalla Commissione Bilancio, una mini voluntary disclosure per gli ex residenti all’estero iscritti all’Aire e transfrontalieri, con un’importo forfettario pari al 3% a titolo di imposte, sanzioni e interessi su redditi e somme non dichiarate. Inoltre per le somme oggetto di regolarizzazione, i termini per l’accertamento in scadenza dal 1° gennaio 2018 vengano di fatto spostati al 30 giugno 2020. => Voluntary Disclosure:...

Spesometro, come evitare sanzioni

Istruzioni invio telematico Con un emendamento alla legge di conversione del Decreto Fiscale (DL n. 148/17) all’esame della Commissione Bilancio del Senato, a firma del relatore Silvio Lai (Pd), arriva la possibilità di evitare le sanzioni per mancato o erroneo invio dei dati dello Spesometro se la trasmissione viene effettuata entro il 28 febbraio 2018. => Spesometro: FAQ, ritardi e sanzioni Tale possibilità arriva a fronte del mancato funzionamento di fine settembre del sistema informatico predisposto per l’Agenzia delle Entrate da Sogei. Con l’emendamento al Decreto Fiscale che prevede l'abolizione...

Accertamento fiscale, come pagare

Fisco Con la Risoluzione n. 138/2017, l’Agenzia delle Entrate ha istituito 105 nuovi codici tributo (relativi a imposta, interessi e sanzioni) da utilizzare per il pagamento parziale di quanto richiesto nell'eventuale comunicazione di irregolarità sulla dichiarazione dei redditi ricevuta dal Fisco. I contribuenti che decidono di versare solo una quota dell’importo complessivamente richiesto a seguito di controlli automatico della dichiarazione (in base a quanto previsto dall'articolo 36-bis, Dpr 600/1973 - Disposizioni comuni in materia di accertamento delle imposte sui redditi) non...

Ravvedimento operoso IMU e TASI: le regole

Tasse Coloro che hanno dimenticato di pagare, o lo hanno fatto in modo incompleto, tributi locali come IMU e TASI possono regolarizzare la propria posizione ricorrendo al ravvedimento operoso che prevede l’applicazione di sanzioni tanto ridotte rispetto a quella altrimenti previste in caso di accertamento formale o automatizzato, pari al 30% del tributo più interessi di mora. La riduzione sarà proporzionata al numero di giorni di ritardo. => Ravvedimento operoso per i tributi locali Il ravvedimento operoso è regolato dall'articolo 13, comma 1, lettera b, D.Lgs. n. 472/1997, il quale...

Redditi, più tempo per regolarizzare

Compliance Con riferimento alle lettere di compliance inviate dall’Agenzia delle Entrate, relativamente alle dichiarazioni di redditi 2013, il Fisco concede più tempo per procedere con la regolarizzazione: fino al 31 dicembre 2017, ovvero il 2 gennaio 2018, cadendo il 31 dicembre di domenica ed essendo il primo gennaio festivo. Una scadenza, inizialmente fissata al 2 ottobre, che riguarda esclusivamente i 300 mila contribuenti italiani che hanno ricevuto le comunicazioni inviate dall’Agenzia tra maggio, giugno e settembre e che ora hanno la possibilità di rispondere alle lettere di...

DURC irregolare: agevolazioni assunzioni revocate

Controlli fiscali Con la circolare n. 3/2017 l’Ispettorato Nazionale del Lavoro ha fornito istruzioni in merito alla revoca delle agevolazioni concesse in termini di sgravi contributivi per l'assunzione di personale in possesso di determinati requisiti, in presenza di irregolarità contributive e delle altre condizioni individuate dall’art. 1, comma 1175 della legge n. 296/2006 accertate a seguito di visita ispettiva. Ora l’INL, con la nota di protocollo n. 255/2017, fornisce indicazioni operative in merito, condivise con l’INPS e con l’INAIL, in risposta a specifiche richieste pervenute dagli...

Obbligo POS: i pagamenti con esenzione

POS La Legge di Bilancio per il 2018 prevede nuove esclusioni dall’obbligo per esercenti, professionisti e studi professionali di accettare pagamenti elettronici effettuati tramite POS (Point of sale) utilizzando bancomat, carte di credito, di debito e prepagate. Si tratta in particolare dei pagamenti relativi alla vendita di valori bollati e carburanti per autotrazione, attività professionale, bollo auto e multe stradali. => Sanzioni POS, importo ed esenzioni Dopo la Legge di Bilancio 2018 è prevista l’emanazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico, di concerto con il...

Contributi: inderogabili i minimi retributivi

Pensione e cumulo contributi Con la sentenza n. n. 19284/2017 la Corte di Cassazione ha chiarito l’inderogabilità dei minimi retributivi sotto il profilo previdenziale previsti dai CCNL (Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro). In particolare, ai fini contributivi, la base imponibile è rappresentata dalla retribuzione prevista dalla contrattazione collettiva di settore per tipologia di rapporto. Non rileva l’entità della retribuzione effettivamente corrisposta in considerazione delle sospensioni dal lavoro concordate tra datore di lavoro e lavoratore. Nel caso in esame il datore di lavoro aveva impugnato...

IVA omessa: amministratore responsabile

Ricorsi amministrativi In caso di omesso versamento dell’IVA (reato ai sensi dell’art. 10-ter, D.Lgs. n. 74/2000) la responsabilità penale cade sul rappresentante legale dell’azienda in carica al momento dell’ultima scadenza utile per il versamento dell’imposta, ossia il termine entro cui versare l’acconto del periodo d’imposta successivo, anche qualora sia subentrato come amministratore successivamente alla presentazione della dichiarazione IVA ma prima del termine ultimo per il versamento dell’imposta. => Omesso versamento ritenute da 770 A chiarirlo è stata la sentenza n. 18834/2017...

X
Se vuoi aggiornamenti su Controlli fiscali

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy