Visite fiscali INPS: nuove regole in Gazzetta

Stesse fasce orarie di reperibilità per pubblico e privato, solo controlli INPS: dal 22 giugno in vigore le nuove regole sulle visite fiscali dei medici ispettori ai dipendenti in malattia.

Armonizzazione delle fasce orarie per le visite fiscali nel pubblico e nel privato, ufficio unico INPS per tutto il territorio nazionale, convenzioni con i medici fiscali: sono alcune novità della Riforma della PA, pubblicata in Gazzetta Ufficiale (articolo 18 decreto legislativo 75/2017, in vigore dal 22 giugno).

=> Visite fiscali in malattia: nuovi orari nel pubblico e nel privato

Ispezioni INPS

Gli accertamenti medico-legali sui dipendenti assenti dal servizio per malattia sono effettuati in via esclusiva dall’INPS. Il rapporto con i medici ispettori è disciplinato da accordi sindacali: un decreto ministeriale ne fornirà l’atto di indirizzo (durata, disciplina incompatibilità). Il passaggio è previsto dal 1° settembre: in pratica, viene accentrata presso l’INPS una funzione prima svolta dalle ASL. I controlli sulle certificazioni dei lavoratori resteranno in capo alle amministrazioni pubbliche interessate.

=> Orari visite fiscali INPS per malattia dipendenti

Orari reperibilità

Per quanto riguarda le fasce di reperibilità, entro le quali il dipendente deve farsi trovare in caso di vista fiscale di controllo quando si trova in malattia, saranno stabilite da apposito decreto del ministero per la Semplificazione, di concerto con il Lavoro. Quindi, bisogna attendere il provvedimento per conoscere i nuovi orari di reperibilità per i controlli, che saranno validi per i dipendenti del pubblico e del privato su tutto il territorio nazionale.

Attualmente, le fasce orarie per le visite fiscali prevedono

  • 4 ore al giorno per il settore privato (dalle 10:00 alle 12:00 e dalle 17:00 alle 19:00)
  • 7 ore per il pubblico (dalle 9:00 alle 13:00 e dalle 15:00 alle 18:00).

=> Certificati malattia: regole sul lavoro

Lo stesso provvedimento fisserà le modalità per lo svolgimento delle visite e per l’accertamento, anche con cadenza sistematica e ripetitiva, delle assenze dal servizio per malattia. E’ previsto che se il dipendente deve allontanarsi dall’indirizzo comunicato durante le fasce di reperibilità per effettuare visite mediche, prestazioni o accertamenti specialistici o per altri giustificati motivi, che devono essere, a richiesta, documentati, è tenuto a darne preventiva comunicazione  all’amministrazione che, a sua volta, ne dà comunicazione all’INPS.

Fonte: Gazzetta Ufficiale

X
Se vuoi aggiornamenti su Visite fiscali INPS: nuove regole in Gazzetta

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy