Costruire mappe concettuali con CmapTools 5.03

di Caterina Martino

scritto il

Per crere schemi e mappe concettuali si può ricorrere al gratuito Cmap Tools: dopo aver creato una mappa, vediamo come costruirla e personalizzarla

Costruire una mappa

Dopo aver istallato il programma e creato una mappa con CmapTools, passiamo a costruire una vera e propria mappa con nodi concettuali. In un punto qualsiasi del foglio, facciamo due volte clic con il mouse: compare una piccola casella di testo che costituisce uno dei nodi della mappa. Insieme, si attiva automaticamente anche la finestra di dialogo Stili per la formattazione, che possiamo richiamare in qualunque momento dal menu “Formato”.

Partendo dal presupposto che ad ogni casella va associato un concetto, facciamo due volte clic sulla casella e digitiamo al suo interno un testo.

Nella finestra Stili possiamo realizzare diverse azioni: selezionando il testo modifichiamo il font nella scheda Carattere; selezionando la casella, nella scheda Oggetto possiamo associarle un colore di riempimento, uno per il contorno, e così via.

Ogni volta che selezioniamo una casella, appare in alto un’icona con due frecce. Se trasciniamo il mouse a partire da questa icona, possiamo creare le frecce di connessione tra concetti. Dopo averne creato una, selezioniamola e, nella scheda Linea della finestra Stili, specifichiamo le sue caratteristiche, come colore e spessore.

Quando realizziamo una freccia, in modo del tutto automatico vengono create anche altre due caselle. La prima si trova alla fine della freccia e costituisce un altro concetto da unire al primo (formattiamola associando un diverso colore). La seconda si trova sulla freccia, a metà tra i concetti. Non è possibile eliminare questa casella perché ha uno scopo ben preciso: indicare il tipo di legame tra i concetti. Quindi, al suo interno digitiamo un testo che specifichi meglio la relazione.

La formattazione delle caselle risulta semplice grazie agli strumenti della finestra Stile. Ma vediamo altri aspetti:

  • per spostare le caselle in altre posizioni basta semplicemente selezionarle e trascinarle in un altro punto del foglio;
  • per modificare la grandezza delle caselle, possiamo usare l’apposito strumento (l’icona con le frecce) che appare nell’angolo in basso ogni volta che un nodo è selezionato;
  • per cancellare una casella, selezioniamola e premiamo CANC;
  • quando vogliamo inserire una casella singola senza legami, dobbiamo solo fare due volte clic nel foglio.

Abbiamo detto che le frecce collegano due concetti. Da uno stesso concetto possono partire più frecce; anche da una casella intermedia possono essere create delle frecce. Non dimentichiamo di salvare sempre le modifiche effettuate.

Personalizzare le mappe

Dopo aver costruito la mappa, vediamo come poterla perfezionare. Iniziamo con l’aggiungere più dati ai concetti. Selezioniamo uno dei nodi e facciamo clic sul menu Strumenti e poi sul comando Aggiungi Informazioni. Nella finestra che si apre digitiamo un’informazione aggiuntiva nel campo Informazioni al Passaggio del Mouse e facciamo clic su OK. Posizionando il mouse su quel nodo, vedremo comparire il testo appena inserito.

Arricchiamo il contenuto dei nodi inserendo l’URL di un sito correlato oppure altri tipi di file. Per inserire un sito web, facciamo clic sull’oggetto col tasto destro e scegliamo il comando Aggiungere Indirizzo Web; nella finestra successiva indichiamo il nome della risorsa e il sito di destinazione. Dopo aver confermato, vedremo un’icona allegata alla casella. Facendo clic su di essa leggiamo il nome della risorsa che apre il collegamento al sito.

Immaginiamo di dover collegare al nodo un file Word. Facciamo clic sul nodo col tasto destro e scegliamo “Aggiungi/Modifica Collegamenti a Risorse”. Nella finestra che si apre indichiamo il file da inserire e facciamo clic su Aggiungi alla lista e poi su Aggiorna. Il collegamento è stato inserito accanto all’indirizzo web. Se facciamo clic sull’icona vedremo che sono presenti entrambi. Con la stessa procedura possiamo inserire anche delle immagini.

Volendo personalizzare ulteriormente la mappa, possiamo anche inserire come sfondo un particolare colore o addirittura un’immagine.
Prima di tutto inseriamo l’immagine nel programma. Facciamo clic su File e poi sul comando Aggiungi Risorse; indichiamo l’immagine che vogliamo inserire e facciamo clic su Aggiungi. Nella finestra Modifica Proprietà delle Risorse possiamo cambiare alcune informazioni dell’immagine oppure lasciare tutto invariato. In ogni caso facciamo clic su OK.

Facciamo clic con il tasto destro nel foglio e scegliamo la voce Aggiungi Sfondo. Nella finestra Seleziona Sfondo, indichiamo l’immagine e facciamo clic su Aggiungi. L’immagine verrà inserita nel foglio, ma è probabile che dovremo cambiarne le dimensioni per adattarla alla mappa. Per cui, facciamo di nuovo clic col tasto destro nel foglio e scegliamo Riposiziona Sfondo. Ingrandiamo lo sfondo fino a ricoprire tutta la mappa e premiamo invio per confermare la modifica. Per cambiare immagine, facciamo clic col tasto destro e scegliamo Modifica Sfondo indicandone una nuova.

Cmap Tools ci consente anche di inserire uno sfondo in un nodo. Selezioniamo una casella, ad esempio il titolo, e nella finestra Stile selezioniamo la scheda “Oggetto”. Nell’area Immagine sfondo, si è attivato un nuovo comando (l’icona con il segno +). Facciamo clic su di esso e nella finestra Seleziona Sfondo indichiamo l’immagine che desideriamo (ovviamente già inserita nel programma). Modifichiamo l’oggetto con gli altri strumenti attivi in Immagine sfondo che ci consentono di cancellare l’immagine dall’oggetto, modificarne la grandezza e adattarla al riquadro.

Terminata la mappa, possiamo decidere di trasformarla in un’immagine, magari per una presentazione. Nel menu File facciamo clic su Esporta Cmap Come e, nell’elenco successivo, scegliamo tra i vari formati il comando File Immagine. Nella finestra “Esporta Cmap come JPG” indichiamo il percorso di salvataggio e facciamo clic su Salva.

Abbiamo già accennato alla possibilità di salvare le mappe su un server, per renderle accessibili ad altri utenti. Un metodo veloce consiste nel copiare direttamente in uno dei server denominati Pubblic la cartella che contiene la mappa e tutte le sue risorse.

Se siamo alla ricerca di una mappa già realizzata, oppure abbiamo bisogno di qualche spunto o idea per creare la nostra, possiamo trarre suggerimento da quelle condivise da altri utenti.

Nel momento in cui selezioniamo Cmap Condivise in rete, a destra visualizziamo una serie di server disponibili. Scegliamone uno e facciamo due volte clic sul suo nome. Generalmente, ogni server contiene numerose cartelle e la ricerca non è semplice perché le cartelle non sono sempre denominate con parole-chiave o termini specifici.

Per facilitare l’operazione usiamo il comando Cerca che si trova nel menu Strumenti. Abbiamo la possibilità di scegliere tra tre tipi di ricerca: Cmap, Risorse e Informazioni nel Web, Cmap e Risorse, Informazioni nel Web. Cmap Tools ci consente, quindi, di effettuare la ricerca in locale, nei server e su Internet (questo terzo aspetto è davvero utile per estrapolare informazioni direttamente dal Web). Quando troviamo la mappa giusta, possiamo salvarla in locale o esportarla nel formato che riteniamo più opportuno.

La formattazione delle caselle risulta semplice grazie agli strumenti della finestra Stile. Ma vediamo altri aspetti:

  • per spostare le caselle in altre posizioni basta semplicemente selezionarle e trascinarle in un altro punto del foglio;
  • per modificare la grandezza delle caselle, possiamo usare l’apposito strumento (l’icona con le frecce) che appare nell’angolo in basso ogni volta che un nodo è selezionato;
  • per cancellare una casella, selezioniamola e premiamo CANC;
  • quando vogliamo inserire una casella singola senza legami, dobbiamo solo fare due volte clic nel foglio.

I Video di PMI

Video su Facebook: impariamo dai più bravi