Siti Web: algoritmo Google premia la qualità

di Alessandro Vinciarelli

scritto il

Nuovo algoritmo Google premierà con miglior posizionamento nelle SERP del motore di ricerca i siti di qualità, con contenuti originali e apprezzati dagli utenti: penalizzati spammer, copioni e aggregatori di fonti altrui.

Editori online avvertiti: il nuovo algoritmo Google premierà con un miglior posizionamento sul suo motore di ricerca i siti di maggiore qualità e più apprezzati dagli utenti. Dopo l’annuncio delle scorse settimane e la sperimentazione sulla versione americana di Google, il nuovo meccanismo di indicizzazione nelle SERP sarà esteso presto a tutte le altre.

Focus sui contenuti pubblicati, per individuare e bocciare le cosiddette “content farm“, ossia i replicatori di contenuti plagiati o copiati da altre fonti web. Fenomeno ricorrente nell’editoria multimediale, questo simil-spam penalizza le aziende sane e ostacola il business di qualità, quello che passa per contenuti originali e approfondimenti esclusivi.

In pratica, con il nuovo algoritmo Google, nelle prime posizioni sul motore compariranno le fonti primarie di una certa notizia o informazione, e non chi è arrivato dopo scopiazzando o plagiando.. Penalizzati, dunque, anche i portali di aggregazione di contenuti altrui.

Come spiegato dal guru di Google Matt Cutts, il miglioramento nell’algoritmo avrà impatto su 11,8% delle query.

Dalle pagine del suo blog ufficiale, Google si impegna a «dare alla gente le risposte più rilevanti alle loro domande e quanto più rapidamente possibile». Per il momento, il nuovo sistema di categorizzazione e ricerca è disponibile agli utenti mediante estensione per Chrome.

Leggi anche: