Adobe Flash, il futuro è multipiattaforma con Open Screen Project

di Noemi Ricci

scritto il

Adobe ha annunciato l'avvio di Open Screen Project, partnership siglata con diverse compagnie per realizzare un ambiente runtime uniforme basato su Flash e in futuro su Adobe AIR

Negli ultimi anni abbiamo assistito ad una incredibile crescita del mercato delle applicazioni aziendali mobili. Gli utenti, specie se enterprise, pretendono sempre di più da dispositivi e nuove tecnologie, che sembrano esser capaci di rispondere efficacemente alle emergenti esigenze di un business sempre più articolato e flessibile.

In questo scenario si inquadra anche la nuova sfida dei dispositivi portatili per la navigazione in Rete di Adobe, che promuove l’Open Screen Project.

L’obiettivo è quello di riuscire a contrastare Microsoft e il suo Silverlight, rafforzando così la propria posizione sul mercato.

Di particolare rilievo i partner del progetto: ARM, Cisco, Intel, LG, Marvell, Motorola, Nokia, Qualcomm, Samsung, Sony Ericsson, Toshiba e Verizon, oltre a grandi network come BBC, MTV e NBC Universal.

Nomi di tutto rispetto, che lasciano presagire la forte incidenza di questa nuova iniziativa sulle interfacce di navigazione dei prossimi dispositivi mobili – dai MID (Mobile Internet Devices) agli smartphone e alla prossima generazione di cellulari compreso l’iPhone di Apple – con l’obiettivo di renderli sempre più compatti ma completi.

Il nuovo progetto è infatti teso a diffondere un ambiente runtime leggero e multipiattaforma in grado di riprodurre contenuti in Flash facendo uso della tecnologia Adobe AIR così che qualsiasi tipo di dispositivo portatile sia in grado di eseguire applicazioni Web-based complesse.

In questo modo anche quegli hardware poco efficienti o con schermi piccoli, che finora compromettevano la possibilità di navigare i Rete, potranno farlo senza limitazioni. Saranno infatti eliminate le restrizioni all’uso dei formati SWF (ShockWave Flash) e FLV/F4V (Flash Video), fornite delle librerie (API) per semplificare la conversione delle applicazioni destinate a piattaforme eterogenee, pubblicati i protocolli Flash Cast e AMF (Action Message Format) per i web service ed eliminati i costi delle licenze richiesti per poter implementare Flash Player e AIR sui vari dispositivi.

Adobe apre dunque le specifiche dei propri formati, a beneficio del mondo open source – in particolare del progetto Gnash sponsorizzato da Free Software Foundation – anche se non rende disponibile il codice dei suoi software, a parte quello alla base di alcuni componenti già open source come ActionScript e il framework di sviluppo Flex.

I Video di PMI

Video su Facebook: impariamo dai più bravi