Web Office: Google Docs anche offline?

di Redazione PMI.it

scritto il

Prende corpo l'ipotesi di un futuro accesso a GoogleDocs anche offline. Confermata la sperimentazione in corso, ma ribadito il focus su dati e servizi web

In futuro, Google offrirà accesso offline al suo Google Docs e ad altre applicazioni, ma il suo focus primario resta per ora concentrato su servizi web e archiviazione dati cloud-based: accesso e condivisione a informazioni e file, ovunque e per chiunque.

Queste, in sintesi, le dichiarazioni di Jonathan Rochelle, product manager di Google, a margine della conferenza WebGuild Web 2.0, riferendosi al futuro del “Web Office“.

Attualmente, per lavorare con la suite applicativa da ufficio Google Docs, è necessario essere connessi in Rete per accedere a documenti, fogli di lavoro e presentazioni. Grazie al tool Google Gears, tuttavia, presto saranno disponibili nuove funzionalità per abilitare le applicazioni web al funzionamento offline.

Secondo Rochelle il progetto è già avviato, ma ci vorrà ancora del tempo per portarlo a termine.
In realtà, società come Zoho utilizzano già l’estensione Google Gears per offrire accesso offline alle proprie suite di applicazioni web per ufficio.

Uno scenario che ai vendor di software business appare alquanto singolare, ma che è possibile in virtù della disponibilità per tutti gli sviluppatori di tool come Google Gears. In un certo senso, però, dare a tutti la possibilità di migliorare i suoi prodotti rientra nella filosofia dell’azienda, un po’ in linea con la visione open source.

Secondo Raju Vegesna, evangelist di Zoho, gli utenti business vogliono poter accedere ai propri dati in locale, per cui in futuro ciò che si può auspicare è un’applicazione cloud-based, ma dove i dati risidedono all’interno della compagnia. In effetti, questo significherà poter coniugare le diverse necessità operative, online ed offline, m anche dare spazio alla condivisione e alla collaborazione, rese possibili dalla visione “cloud”.

I Video di PMI

La mia attività su Google my business: i dati che danno soddisfazione