Telefonia, banche e assicurazioni: occhio alle truffe

di Redazione PMI.it

scritto il

Italiani nel mirino delle truffe, email o telefoniche, legate ad abbonamenti Mobile e Web, utenze, carte elettroniche, finanziamenti ed assicurazioni.

Nel corso del 2019, oltre 8 milioni di Italiani sono caduti vittima di una truffa, sia online sia offline. È la telefonia mobile l’ambito più a rischio, con il 6% dei consumatori che affermano di aver subito una truffa in questo campo.

I tentativi di raggiro coinvolgono anche le carte elettroniche e utenze luce e gas, seguiti dai servizi di telefonia fissa e Internet casa. Anche le assicurazioni auto e moto, così come i conti correnti e i prestiti personali, sono state caratterizzate da non pochi tentativi di raggiro.

=> Shopping online: come difendersi dalle truffe

Sono dati che emergono dall’indagine che Facile.it, in occasione del lancio del progetto Spazio Sicurezza ha commissionato a mUp Research.

Tra le truffe telefoniche emerge quella del: rispondendo così ad una telefonata che chiede conferma della nostra identità, è possibile realizzare una sorta di “montaggio” a posteriori della voce della vittima, che si ritroverà così un abbonamento a qualche servizio a sua insaputa.

Altra truffa: indurre l’ignaro utente a richiamare un numero telefonico sconosciuto, da cui però verrà prosciugato l’intero credito telefonico. E poi il classico: i servizi a pagamento (es.: 5 euro a settimana) che scattano semplicemente navigando una qualunque pagina web. Per uscirne è necessario richiedere al proprio operatore il blocco di tutti i servizi a pagamento ed il rimborso di quanto sottratto dai truffatori.

Il cambio tariffa o cambio operatore, proposto da operatori che non seguono le procedure corrette per questa pratica. E poi le classiche truffe via email, che oggi sono affiancate anche da quelle – più inaspettate – via WhatsApp, che invitano a cliccare su un link fraudolento.

I Video di PMI

PMI.it incontra SisalPay