Applicazioni per smartphone: quali sono i migliori negozi online?

di Patrizia Godi

scritto il

Tastiamo il polso ad Apple App Store, Nokia Ovi, Blackberry App World, Android Market, Windows Marketplace e app store di Sony Ericsson per vedere chi propone l'offerta più completa e il più facile download

Gli smartphone rappresentano oggi l’espressione più di successo dell’integrazione tra la comunicazione e il computing. E questo spiega la vasta diffusione di tali prodotti sia in ambito consumer sia aziendale. Per questi dispositivi, la telefonia in senso tradizionale è solo una delle tante funzioni, il loro vero punto di forza è la capacità di gestire un innumerevole numero di applicazioni. E questo crea un’importante opportunità sia per gli utenti, che possono così personalizzare il proprio smartphone in funzione delle più disparate esigenze, sia per i costruttori, che hanno dato vita a negozi online dove propongono migliaia di applicazioni della natura più varia, dal controllo del peso corporeo ai front end per i gestionali aziendali.

Le applicazioni per i cellulari in genere, e non solo per gli smartphone, sono disponibili online da anni. Siti come Getjar e Handango hanno cercato di raccoglierle tutte assieme, ma iniziative di questo tipo non sono state promosse dai costruttori di cellulari e così gli utenti hanno dovuto cercarsi autonomamente le applicazioni.

A ciò va aggiunto il fatto che il download di tali applicazioni non è sempre stato semplice e spesso era necessario scaricarle prima su un computer e poi trasferirle sul telefono. Oggi invece la quasi totalità degli smartphone scarica le applicazioni direttamente sul telefono, consentendo l’immediata installazione.

Per verificare qual è lo stato dell’offerta attuale delle applicazioni per gli smartphone, diamo un’occhiata a cosa propongono i più noti negozi online. Partiamo dall’App Store di Apple, che con le circa 50.000 applicazioni disponibili, create da sviluppatori indipendenti, è oggi è inequivocabilmente l’offerta più ricca. Va però sottolineato che le applicazioni presenti sono solo per iPhone e iPod Touch.

Ogni software è stato realizzato per svolgere un compito specifico. Così, per esempio, FStream è un piccolo programma che consente di sentire le stazioni radio in streaming, permettendo all’utente di registrare ciò che ascolta. Mentre Email ‘n Walk consente di scrivere una e-mail e nel contempo usare la macchina fotografica per vedere dove si sta andando, in modo da evitare di sbattere contro un lampione.

Il download dei programmi è semplice e veloce e l’installazione immediata. Inoltre, diverse applicazioni sono gratuite e di quelle a pagamento è spesso disponibile una versione trial per verificarne le potenzialità. Attraverso il suo Ovi, Nokia non offre solo le applicazioni, ma aiuta anche l’utente a sincronizzare e condividere contenuti con  gli amici.

Ovi è precaricato sul Nokia N97, ma in molti altri modelli può essere attivato un collegamento diretto semplicemente visitando il sito tramite il telefono. Nonostante abbia pochi mesi di vita, il negozio offre già circa 700 applicazioni, un terzo delle quali è gratuito. Rispetto però all’App Store, che propone tutte le applicazioni disponibili per l’iPhone, all’interno di Ovi non sono presenti tutti i programmi sviluppati per i prodotti Nokia: diversi software possono infatti essere acquistati su altri siti Web. Per scaricare le applicazioni, l’utente deve creare un account su Ovi e fare acquisti tramite una carta di credito o di debito.

Research in Motion, il creatore di BlackBerry, ha aperto il suo negozio App World lo scorso mese di aprile. Come nel caso di Ovi, l’accesso viene attivato scaricando sul telefono un link diretto al sito. Quotidianamente vengono caricate cinque o sei nuove applicazioni e attualmente quelle disponibili sono circa 1.400. Alcune sono gratuite altre a pagamento, però non viene fatta alcuna distinzione tra le due tipologie. Per poterle usare è necessario avere un terminale dotato di track ball o touch screen.

Per fare acquisti presso l’App World bisogna avere un conto online PayPal e le applicazioni vengono scaricate nella cartella “download” del telefono. Se nel sito ufficiale Blackberry non trovate ciò che vi serve, potreste provare su alcuni altri siti più affermati: CrackBerry.com, BerryReview.com e BlackBerryRocks.com.

Nel 2008, Google è entrato nel mercato della telefonia. La società non realizza direttamente dispositivi ma ha creato il sistema operativo open source Android, che al momento è installato in alcuni dei telefoni prodotti da HTC e Samsung.
Lanciato nell’ottobre del 2008, il sito Android Market (ha visto la disponibilità di applicazioni a pagamento a partire dallo scorso febbraio. Il negozio online dà un’idea delle applicazioni presenti (oggi sono alcune migliaia) però per capire con precisione in cosa consiste l’intera offerta bisogna accedervi tramite un telefono basato su Android.

Le applicazioni sono scaricate direttamente in una specifica cartella sul cellulare. Gli utenti Windows Mobile hanno una delle più ampie selezioni di applicazioni, circa 20.000, disponibili oggi per una piattaforma mobile. Tuttavia il negozio di Microsoft, Windows Marketplace, al momento è praticamente vuoto. Il sito consente soltanto di scaricare software Microsoft, ma l’azienda intende proporre molte delle predette applicazioni entro la fine del 2009.

Da ultimo troviamo l’app store di Sony Ericsson denominato Playnow arena, che è stato aperto agli sviluppatori lo scorso mese di luglio. Per questo motivo, oggi sono presenti solo alcune applicazioni ma c’è da scommettere che il numero è destinato ad aumentate molto velocemente.