Bari: fondi per Pmi che investono in sicurezza

di Andrea Alfano

scritto il

La Camera di Commercio di Bari stanzia 500mila euro per le piccole e medie aziende che si doteranno di sistemi di sicurezza e video-sorveglianza connesse a centrali pubbliche

Iniziativa interessante che riguarda per il momento le sole Pmi con sede nel capoluogo pugliese che vogliano garantire una maggiore sicurezza nelle loro sedi, al fine di salvaguardare i propri prodotti.

Fino al 30 giugno 2008 sarà infatti possibile aderire al bando emesso dalla Camera di Commercio per le Pmi baresi che intendono dotarsi di sistemi hi-tech di sicurezza, video-sorveglianza e anti-intrusione, collegati con centrali di vigilanza e forze dell’ordine.

La cifra stanziata, 500mila euro, verrà messa a disposizione di Pmi commerciali, industriali e artigianali, pubblici esercizi, imprese agricole e turistiche (con sede e/o unità operativa entro la Provincia di Bari).

I fondi saranno a disposizione di tutti coloro i quali dimostreranno di aver iniziato i lavori relativi all’implementazione di sistemi anti-crimine per garantire la sicurezza della propria azienda a partire dal 15 febbraio di quest’anno.

«Crediamo che sia compito irrinunciabile delle istituzioni sostenere e supportare le imprese con servizi e attività che possano consentire loro di recuperare un senso di fiducia e maggiore tranquillità operativa» ha dichiarato il presidente dell’Ente Luigi Farace. «La nostra iniziativa si muove in questa direzione e risponde anche alla necessità di ricostituire un clima sociale di grande collaborazione, più favorevole agli investimenti e alla crescita economica».

Il contributo che verrà riconosciuto alle aziende è pari al 10% (al netto d’IVA) delle spese sostenute per i lavori.