PA, nuova business unit della SCC

di Roberta Donofrio

scritto il

La società di servizi focalizza l'attività della filiale romana sulla fornitura di soluzioni tecnologiche per l'amministrazione pubblica centrale, locale e parastatale

La Pubblica Amministrazione diventa la nuova business unit della SCC. Nei giorni scorsi la società del Gruppo SCH attiva nella fornitura di soluzioni e servizi IT ha annunciato l’inaugurazione a Roma di una nuova unità operativa sui servizi di tecnologia informatica alla PA.

La struttura affidata al coordinamento del manager Adriano Nocera dovrà sviluppare soluzioni ICT ad hoc per la Pubblica amministrazione centrale e locale, oltre che alle società da essa controllate, contribuendo al processo di ammodernamento previsto dal Governo per garantire una migliore erogazione e fruizione dei servizi al cittadino.

La scelta della SCC conferma una crescita costante della domanda IT presso gli enti pubblici, che secondo l’ultimo rapporto Assinform, nel 2007 si è attestato intorno ai 4 miliardi di euro, un valore corrispondente al 20% del mercato totale.

«I volumi di business del mercato delle PA sono molto interessanti per sviluppare un maggiore vantaggio competitivo – spiega Vincent Bonnet, Amministratore delegato di Scc Italia. Un’unità operativa totalmente focalizzata e con esperienza d’alto livello garantirà servizi di qualità elevata e grande professionalità agli enti della Pubblica Amministrazione».

Nella sua pluriennale esperienza nel campo dell’assistenza software, della forntura dei servizi tecnici di delivery, manutenzione hardware, la SCC annovera tra i suoi clienti soggetti come Poste Italiane, Ministero Affari Esteri, Ministero dell’Interno e Istat. E negli ultimi anni ha rafforzato competenze in ambito PA, formando un project management specializzato nei processi di gestione delle gare.

«Gli obiettivi di SCC – ha dichiarato il nuovo responsabile Adriano Nocera – riguardano l’aumento delle risorse nell’area nord del Paese, e l’incremento del 30% dell’attuale fatturato nell’arco dei prossimi 2 anni».