Tratto dallo speciale:

Verso il nuovo Governo: iter di legge per la Manovra 2023

di Redazione PMI.it

scritto il

Manovra 2023: come nasce una legge e quali sono fasi e tempi dell’iter legislativo, dalla presentazione alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

Con la caduta del Governo Draghi e le elezioni anticipate a settembre, si sono moltiplicati i timori di non riuscire a completare le riforme in via di definizione ed approvare le leggi attualmente in Parlamento secondo il programma stabilito, con pesanti ricadute economiche per il Paese.

Per fare chiarezza, dopo aver definito il perimetro operativo e le prerogative dell’attuale Esecutivo per lo svolgimento degli affari correnti, spieghiamo in dettaglio come funziona in Italia il processo di approvazione di una legge.

In questo ambito, infatti, ricade anche la Legge di Bilancio 2023, che a questo punto dovrà essere necessariamente discussa e approvata dal nuovo Governo entro fine 2022 per evitare l’esercizio provvisorio.

Come nasce una legge

L’iter di legge è un processo lungo e articolato che porta alla definizione e all’entrata in vigore di un nuovo provvedimento legislativo. Secondo quanto stabilito dalla Costituzione della Repubblica italiana, la funzione legislativa è esercitata dalle due Camere in modo collettivo, quindi un progetto diventa legge solo se viene approvato sia dalla Camera sia dal Senato. La formazione della legge ordinaria, nello specifico, si articola in diverse tappe che vanno dalla presentazione alla pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale, che rappresenta l’ultimo step del percorso.

L’iter di una legge si articola in quattro diverse fasi:

  1. Presentazione di un progetto o disegno di legge al Senato o alla Camera da parte di un singolo parlamentare, del Governo o del popolo con la raccolta di almeno cinquantamila firme di elettori – Il ddl (disegno di legge) viene assegnato a una delle 14 Commissioni permanenti o a una Commissione speciale costituita ad hoc per il preventivo parere, prima di passare al voto in Aula.
  2. Discussione e approvazione alla Camera – Il disegno di legge viene discusso in Aula (in genere si parte con la Camera dei Deputati), votato e approvato dalla Camera a cui è stato assegnato.
  3. Trasmissione e approvazione in Senato – Per ottenere il sì definitivo, il disegno di legge deve essere approvato – senza ulteriori modifiche – anche dall’altra Camera (il Senato della Repubblica); se però in questa fase di discussione e voto si varia il testo licenziato dalla prima Camera, allora il provvedimento deve essere riesaminato nuovamente dalla Camera che l’ho aveva approvato in prima istanza, e così via fino ad approvazione del medesimo testo di ddl.
  4. Promulgazione – Una volta che il disegno di legge risulta approvato in Parlamento, la legge viene promulgata dal Presidente della Repubblica ed entra in vigore dopo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale.

Quanto dura un iter legislativo?

L’iter di legge ordinaria dalla presentazione all’approvazione può richiedere tempi molto lunghi, vale a dire mesi o anni, causati spesso dal meccanismo di rimando tra le due Camere. In casi di particolari urgenza, tuttavia, il Governo può emanare un decreto-legge che deve essere convertito in legge dal Parlamento entro 60 giorni, pena la perdita di validità.

Quando un decreto diventa legge?

Un decreto diventa legge il giorno della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, tuttavia come detto sopra è necessario che sia convertito in legge dal Parlamento entro 60 giorni affinché non perda l’efficacia.

Dove vengono pubblicate le leggi affinché diventino operanti?

Una legge ordinaria diventa operante ed entra in vigore solo dopo la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale, che rappresenta la fonte ufficiale per la conoscenza delle norme legislative in Italia.

Quando avviene la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale?

La pubblicazione della legge nella Gazzetta Ufficiale avviene subito dopo la promulgazione, tuttavia l’entrata in vigore del provvedimento viene rimandata al quindicesimo giorno successivo alla pubblicazione.

Quando entra in vigore una legge pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale?

La legge pubblicata nella Gazzetta Ufficiale entra in vigore 15 giorni dopo, al termine di un lasso di tempo chiamato “vacatio legis” stabilito per fare in modo che la collettività possa apprendere dell’esistenza e di una nuova legge.

Quando inizia ad avere effetto una legge?

Una legge inizia ad avere effetto con l’entrata in vigore, vale a dire al termine della vacatio legis, dopo quindici giorni dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

Quando viene pubblicata la Gazzetta Ufficiale?

La Gazzetta Ufficiale, la principale fonte del diritto, si divide in due parti ciascuna delle quali dedicata a specifiche sezioni. La Parte I contiene la Serie generale pubblicata tutti i giorni feriali e contiene leggi ed altri atti normativi, atti degli organi Costituzionali, decreti Presidenziali, ordinanze Ministeriali, circolari e comunicati.

=> Legge di Bilancio: l'iter istituzionale

Come funziona l’approvazione della Legge di Bilancio?

La Manovra economica è un disegno di legge, per cui segue il consueto iter di approvazione in Parlamento, da parte di Camera e Senato.  Tuttavia esiste un vincolo specifico per la Legge di Bilancio: l’approvazione definitiva deve avvenire entro il 31 dicembre e l’entrata in vigore deve avvenire il primo gennaio del nuovo anno.