Leggi e incentivi più veloci: il Governo cambia metodo

di Barbara Weisz

scritto il

Il Governo Draghi cambia registro: leggi primarie più snelle, meno ricorso ai decreti attuativi, subito mano ai provvedimenti in stallo e agli arretrati.

Per ridurre i tempi di attuazione delle leggi gli strumenti sono due: velocizzare gli attuali decreti attuativi e diminuirne il ricorso nelle future norme primarie. Sono i principi alla base dei nuovi “Criteri operativi per una efficace azione di Governo”, che introducono sostanzialmente un nuovo metodo, condiviso dal premier, Mario Draghi, con il sottosegretario Roberto Garofoli e illustrato nel corso del Consiglio dei Ministri. Ad ogni amministrazione vengono indicati obiettivi da perseguire con target di decreti da adottare, a partire dai mesi di giugno e luglio 2021, per il raggiungimento di una più celere adozione dei provvedimenti ai quali le norme di legge rinviano. Per fare un esempio: vanno ancora approvati 479 decreti solo per rendere operative agevolazioni e misure approvate dal primo gennaio 2020 ad oggi. A questo numero, bisogna evidentemente aggiungere gli arretrati, e in arrivo ci sono provvedimenti importanti, a partire da quelli del PNRR, ossia il Recovery Plan, fondamentale per la ripresa dell’economia.

Provvedimenti attuativi: il nuovo metodo

Per accelerare i procedimenti vengono evidenziati una serie di criteri e strategie:

  • rafforzamento amministrazioni tramite nuclei operativi per recuperare anche l’arretrato;
  • coordinamento con il MEF (con uno specifico nucleo e un punto di contatto) e Conferenza Stato-Regioni;
  • abrogazioni di provvedimenti la cui adozione non è più attuale (per un totale di 5);
  • norme primarie da riformulare per renderle applicabili, su proposta delle amministrazioni;
  • chiarimento competenze laddove fallisca la collaborazione tra amministrazioni;
  • attività settoriali con focus volti ad approfondire criticità o difficoltà attuative.

Leggi subito applicabili

Per migliorare la formulazione delle norme primarie, riducendo il più possibile il ricorso a provvedimenti attuativi, vengono individuate le seguenti linee d’intervento:

  • produzione normativa: i capi di gabinetto e degli uffici legislativi sono chiamati a verificare l’indispensabilità del rinvio ad atti secondari per la definizione della disciplina attuativa e la reale impossibilità di prevedere nella norma primaria i necessari meccanismi attuativi, attestando la capacità della propria amministrazione di adottarli entro il termine indicato dalla norma o comunque congruo;
  • raccordo con il Parlamento per la definizione di criteri di produzione normativa: si avvierà un confronto con il Parlamento, anche per quel che attiene alla produzione legislativa di fonte parlamentare.
  • riduzione della concertazione con le amministrazioni solo quando effettivamente interessate per le competenze di riferimento.