Rinnovo contratto Enti locali: tutti gli aumenti previsti

di Redazione PMI.it

scritto il

Firmato il rinnovo del contratto per il personale del comparto Funzioni locali: cosa prevede il nuovo CCNL, gli aumenti retributivi e altre novità.

ARAN e sindacati hanno sottoscritto l’ipotesi di rinnovo del CCNL per il personale del comparto delle Funzioni locali, per quanto riguarda il triennio 2019-2021. Il rinnovo del contratto, che riguarda quindi circa 430mila dipendenti attivi presso Regioni, Province e Comuni, introduce diverse novità anche dal punto di vista stipendiale.

Aumenti di stipendio

Il nuovo CCNL Funzioni locali prevede un incremento retributivo medio pari a euro 100,27 mensili per tredici mensilità a favore dei dipendenti pubblici degli Enti locali. Tenendo conto anche delle risorse aggiuntive, inoltre, l’incremento mensile raggiunge i 117,53 euro mentre gli arretrati medi sono pari a circa 1.727,63 euro (tutti i dettagli nel testo del nuovo contratto).

Nuovo stipendio tabellare

Incrementi mensili di stipendio

Elemento perequativo

Stipendi tabellari nuove aree

Differenziali

Nuova classificazione del personale

Altre novità riguardano la revisione del sistema di classificazione del personale, anche delineando un nuovo regime delle progressioni economiche orizzontali prevedendo “differenziali stipendiali”: aumenti stabili del trattamento economico al fine di remunerare il maggior grado di competenza professionale che i dipendenti possono acquisire in modo progressivo.

 

Altre novità

  • Individuata anche una nuova classificazione per la Sezione educativa e scolastica,
  • previste nuove specificazioni per la sezione Polizia locale, rivedendone anche le indennità.
  • istituita  una Sezione per le professioni ordinistiche nella quale viene ricompreso il personale con mansioni che richiedono l’iscrizione a Ordini.

Così come per il contratto delle Funzioni centrali, anche il nuovo CCNL Funzioni locali disciplina infine il lavoro a distanza nelle due tipologie di lavoro agile e lavoro da remoto (ex telelavoro), mentre viene anche introdotta una novità relativa alla disciplina del giorno festivo infrasettimanale per il personale turnista.