Scuola: chiamata veloce per i docenti, come fare domanda

di Redazione PMI.it

scritto il

I docenti possono inviare la richiesta per essere assunti a tempo indeterminato tramite la call veloce entro il 2 settembre: istruzioni e piattaforma web.

=> Test sierologici per il personale Scuola

A pochi giorni dall’inizio dell’anno scolastico 2020-2021, che con ogni probabilità sarà caratterizzato da numerose incognite e criticità legate all’emergenza Coronavirus, il MIUR dà la possibilità ai docenti di inviare la richiesta per ottenere la “chiamata veloce” da parte degli istituti.

La procedura, prevista dal decreto Scuola approvato a dicembre, permette a chi è in graduatoria e non ha ottenuto il ruolo di poter presentare domanda in un’altra regione dove ci sono posti disponibili, diversa da quella di pertinenza relativa alle graduatorie a cui si appartiene, al fine di ottenere prima la cattedra a tempo indeterminato.

Subito dopo l’assegnazione dei posti, sottolinea il Ministero, si procederà con le supplenze secondo il crono-programma ministeriale che ha stabilito una serie di scadenze per consentire un avvio del nuovo anno il più ordinato possibile.

=> Supplenze Scuola: domanda di messa a disposizione via PEC

Le domande per ottenere le chiamate dirette possono essere inviate fino alle ore 23.59 del 2 settembre utilizzando la piattaforma ministeriale dedicata alle istanze. Saranno poi gli USR a pubblicare gli elenchi dei docenti ammessi all’insegnamento, mentre le assunzioni saranno completate entro il 10 settembre.

Servizio Istanze OnLine: istruzioni di domanda

Il Servizio Istanze OnLine (o POLIS – Presentazione OLine delle IStanze) permette di effettuare online la presentazione delle domande. Prevede l’uso di normali credenziali di accesso. Nel caso di identità digitale SPID la fase di identificazione non è necessaria. Per accedere al servizio è dunque necessario essere in possesso di un’utenza valida (in caso contrario registrarsi qui). Una volta entrati bisogna procedere con l’abilitazione al servizio:

  • l’utente accede al servizio e inserisce i dati richiesti,
  • il sistema invia una mail con Codice Personale Temporaneo, modulo di adesione e istruzioni per proseguire,
  • l’utente accede di nuovo con Codice Temporaneo,
  • l’utente si reca presso un istituto scolastico o un ufficio, effettua l’identificazione e la sottoscrizione del modulo di adesione in presenza del personale MIUR preposto (non serve se si usa SPID),
  • il sistema invia una mail di conferma abilitazione al servizio
  • l’utente accede al servizio ed effettua la modifica obbligatoria del Codice Personale Temporaneo
  • l’utente è abilitato a presentare le istanze.

I Video di PMI

Servizi online della PA: credenziali di accesso