Pasqua: pranzi e viaggi, i conti in tasca

di Barbara Weisz

scritto il

Resta alta la spesa degli italiani per la tavola delle feste, mentre la crisi si fa sentire sui viaggi. Aumentano pero' gli arrivi dall'estero. I dati

Il pranzo di Pasqua, le gite fuori porta, magari un viaggetto approfittando del lungo week end. Gli italiani sono alle prese con l’organizzazione delle vacanze pasquali, e le varie associazioni del commercio, dell’alimentare, del turismo, provano a fare un pò loro i conti in tasca e ad analizzarne i comportamenti.

Innanzitutto, la tavola. Secondo i calcoli di Federalimentare, fra salumi, capretto e agnello, dolciumi, uova di cioccolato e piatti della tradizione si spenderanno circa tre miliardi di euro. Faranno la loro parte anche i connazionali all’estero, con una spesa di 600 milioni, il 20% del totale.

Più alta la stima della Cia (Confederazione italiana agricoltori) secondo cui per imbadire la tavola delle feste gli italiani di miliardi ne sborseranno 3,7, il 5,7% in più rispetto al 2010. Le due voci che peseranno maggiormente sono i salumi, 850 milioni di euro, e vini e spumanti per i brindisi, con 620 milioni. Ma anche le uova  e le colombe comporteranno un investimento notevole, intorno ai 500 milioni. Qui la Cia registra anche notevoli aumenti di prezzo: fra il 5 e il 7% per le uova, con quelle di marca che possono arrivare a un rincaro del 12%, e del 5-10% per le colombe.

Sugli aumenti, sono più alte le cifre del Codacons, secondo cui le uova costano mediamente il 9,5% in più e le colombe l’8,3%, per una spesa complessiva di oltre 36 milioni di euro di aumento rispetto al 2010. Infine l’Unione nazionale consumatori dispensa qualche consiglio: per l’uovo di cioccolato evitare gli acquisit last-minute, più costosi. Quanto alle colombe diffidare delle imitazioni: sulla scatola deve esserci scritto Colomba, nome che va riservato al prodotto che non contiene grassi idrogenati e altri ingredienti al posto del burro e delle uova. E chi invece i dolci tipici preferisce prepararseli in casa? Secondo la Coldiretti per questo tipo di acquisti la spesa sarà intorno ai 300 milioni di euro. [Continua con i costi della vacanze…]