Redditometro lesivo della privacy: sentenza

di Teresa Barone

scritto il

Il redditometro è incostituzionale e viola la privacy dei contribuenti: il Tribunale di Napoli punta il dito contro il nuovo strumento fiscale.

Il Tribunale di Napoli, con la sentenza n.250/2013 emessa il 21 febbraio scorso, dichiara il redditometro incostituzionale e lesivo della privacy dei contribuenti. Un’ordinanza che fa luce su numerosi aspetti di questo nuovo strumento fiscale spesso contestati dai cittadini, soprattutto in materia di ingerenza nella sfera privata.

=> Leggi come funziona il redditometro

La sentenza è stata emessa a favore di un pensionato campano che si è rivolto al Tribunale per lamentarsi dell’eccessiva “invasività” del redditometro, il cui debutto è previsto per marzo, in merito soprattutto alle spese mediche. Secondo il collegio giudicante si tratta di un sistema di controllo fiscale che viola la privacy dei cittadini e il diritto di difesa garantito dalla Costituzione, impedendo che il cittadino eserciti il diritto di collaborare con la Pubblica Amministrazione.

=> Leggi come agirà il redditometro sugli investimenti

«Il decreto ministeriale è non solo illegittimo, ma radicalmente nullo ai sensi dell’art.21 septies legge n.241/1990, perché conferisce all’Agenzia governativa un potere che va, quindi, manifestamente oltre quello della ispezione fiscale consentito astrattamente dall’art. 14, 3º comma Cost. Inoltre viola i principi di eguaglianza, ragionevolezza e proporzionalità in quanto, a ben vedere, non è strumento idoneo a raggiungere in modo adeguato i prefissi obbiettivi di repressione fiscale.»

Sono molteplici, inoltre, gli aspetti del redditometro contestati nella sentenza: in primis, viene sottolineato come la differenziazione di tipologie familiari secondo cinque aree geografiche possa dare vita a conseguenze discriminatorie tra contribuenti.  

=> Redditometro: scopri la franchigia sulle spese

Illegittima, inoltre, è anche l’inclusione dei dati relativi alle spese di tutti i componenti del nucleo familiare, compresi i minori, come anche la decisione di fare riferimento alle tabelle Istat, che potrebbero dare vita a generalizzazioni non corrispondenti con la realtà.

I Video di PMI

Partite IVA dipendenti