Dirigente stressato: nessun danno biologico

di Redazione PMI.it

scritto il

Non è previsto risarcimento per i dirigenti che lamentano ritmi di lavoro troppo sostenuti: è una scelta volontaria.

La Corte di Cassazione non riconosce alcun danno biologico al dirigente “malato” di stress da lavoro a causa di orari impossibili e di troppe ore dedicate all’attività professionale.

=> Scopri quando il licenziamento dei dirigenti è legittimo

Secondo una recente sentenza, infatti, se i lavoratori (dirigenti compresi) svolgono un surplus di lavoro volontariamente non hanno diritto ad alcun risarcimento in caso di danni alla salute, poiché è sempre valida la facoltà di astenersi nel caso in cui queste mansioni possano compromettere il benessere fisico e psichico.

=> Scopri perché la pausa caffè legittima il licenziamento

Questo diritto può essere esercitato soprattutto da chi occupa una posizione dirigenziale, considerando che può disporre in piena autonomia delle proprie mansioni e del proprio tempo.

La Suprema Corte, pertanto, ha respinto la richiesta di ricorso del dirigente che si appellava all’ex art. 2087 del Codice Civile.

=> Leggi perché l’infedeltà all’azienda porta al licenziamento

«Si resta fuori dall’ambito applicativo dell’art. 2087 cod. civ. – che riguarda una responsabilità contrattuale ancorata a criteri probabilistici e non solo possibilistici – nell’ipotesi in cui si riscontri un logoramento dell’organismo del dipendente esposto volontariamente ad un lavoro impegnativo per un lasso di tempo più o meno lungo».