No al licenziamento di chi abusa del telefono aziendale

di Teresa Barone

scritto il

Chi approfitta del telefono aziendale può essere sanzionato dal datore di lavoro ma non licenziato: ecco le motivazioni della Cassazione.

Utilizzare il telefono aziendale per finalità private è un comportamento scorretto e sanzionabile, ma non può essere motivo di licenziamento. Lo ha affermato la Corte di Cassazione respingendo le contestazioni di una azienda decisa a licenziare un dipendente reo di aver inviato oltre 13mila SMS dal cellulare aziendale nell’arco di 11 mesi, in pratica circa 1200 messaggi di testo al mese.

=> Scopri quando il risarcimento per licenziamento illegittimo è tassabile

La sentenza 10550/13 mette nero su bianco una verità che piacerà poco a numerosi datori di lavoro: il dipendente protagonista della vicenda non può essere allontanato dal suo posto di lavoro perché, pur approfittando largamente del telefono aziendale, non ha arrecato alcun danno morale o materiale alla società.

Non si può parlare, infatti, di raggiro o frode ai danni dell’azienda che, oltretutto, opera proprio nel settore della telefonia e avrebbe potuto in qualsiasi momento verificare il comportamento del dipendente presente nell’organico da 30 anni.

=> Scopri le tecniche più usate per licenziare un dipendente

Lo stesso dipendente, inoltre, pur non avendo ricevuto alcuna segnalazione o rimprovero da parte del datore di lavoro si è detto disposto a risarcire l’azienda di tasca sua. Tutti elementi che, secondo la Suprema Corte, rendono illegittimo e immotivato il suo licenziamento.

I Video di PMI

Come scegliere il contenuto giusto sui social