Raccolta di firme contro l?evasione fiscale

di Teresa Barone

scritto il

L?allarme lanciato dalla Uil per limitare l?evasione fiscale e ridistribuire le risorse a favore di lavoratori dipendenti e pensionati.

Più controlli, potenziamento della tracciabilità dei pagamenti elettronici e divieto di beneficiare delle agevolazioni fiscali per gli evasori: queste sono alcune delle proposte inserite nella petizione popolare avviata dalla Uil, portavoce di una battaglia contro l’evasione fiscale che deve basarsi sull’avvio di nuove misure promosse dal Governo.

=> Scopri chi è l’evasore tipo

Secondo il sindacato, infatti, ammontano a 180 miliardi le imposte sottratte ai cittadini ogni anno, in pratica 347 mila euro al minuto: sono cifre potrebbero consentire di limitare sensibilmente le tasse a beneficio di lavoratori dipendenti e pensionati, risorse necessariamente da recuperare.

Esponendo questi dati il segretario generale della confederazione Luigi Angeletti ha annunciato l’apertura di una petizione popolare, attiva dal 1 maggio al prossimo 30 giungo, mirata a raccogliere 500 mila firme.

Uno strumento di contrasto all’evasione che, stando a quanto affermato da Angeletti, in Italia rappresenta uno scandalo e un problema sociale, basti pensare alla carenza di controlli (l’Agenzia delle Entrate, infatti, effettua al massimo 200mila controlli ogni anno, vale a dire che un contribuente può essere sottoposto ad accertamenti in media una volta ogni 20 anni.

=> Scopri il nuovo ISEE anti evasione

I Video di PMI