Auto aziendali e cambio intestatari: al via le sanzioni

di Teresa Barone

scritto il

Sanzioni per chi utilizza l?auto aziendale per oltre 30 giorni senza rispettare l?obbligo di registrare il nominativo presso la Motorizzazione civile.

Dal 4 dicembre 2014 sono entrate in vigore le sanzioni previste in caso di omessa comunicazione delle variazioni relative agli intestatari delle carte di circolazione, valide anche per le auto aziendali.

=> Auto aziendali e obbligo di registrare l’utilizzatore

Secondo quanto stabilito  dall’art. 94, comma 4-bis, del Codice della Strada, infatti, diventa obbligatorio registrare presso la Motorizzazione Civile il nome di chi utilizza il veicolo per più di 30 giorni pur non essendone intestatario. 

Il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti ha precisato che la nuova normativa non è retroattiva, pertanto è possibile applicare sanzioni (pari a 705 euro oltre al ritiro della carta di circolazione) solo decorsi trenta giorni dal 3 novembre 2014, quindi a partire dal 4 dicembre 2014.

Per quanto riguarda il comodato, la circolare 15513 del Ministero sottolinea che l’obbligo di annotazione deve essere rispettato nel caso in cui il veicolo venga utilizzato da un comodatario in modalità esclusiva, personale e continuativa, per un lasso di tempo superiore a 30 giorni.

=> Scopri gli sconti per i pendolari che viaggiano in autostrada

La nuova normativa non si applica, invece, al comodato in ambito familiare purché gli utilizzatori dell’auto siano conviventi.

I Video di PMI

Partite IVA dipendenti