Criticare l?azienda porta al licenziamento

di Redazione PMI.it

scritto il

Quando è lecito licenziare chi denigra apertamente l?azienda e i suoi vertici? Lo spiega la Cassazione.

Se esprimere le proprie opinioni nei confronti dell’azienda per la quale si lavora, e dei suoi vertici, è quasi sempre lecito, manifestare critiche aspre e denigrare l’immagine della società può portare conseguenze anche gravi, compreso il licenziamento per giusta causa.

=> Jobs Act: reintegro solo per licenziamenti disciplinari

Una recente sentenza della Corte di Cassazione (3853/15) afferma che si può licenziare un dipendente che ha tenuto un comportamento volto a  screditare l’immagine dell’azienda e del suo amministratore, condotta che rappresenta una mancanza tale da non consentire la prosecuzione, anche solo provvisoria, del rapporto di lavoro.

=> Scopri tutta la normativa sui licenziamenti

Secondo i giudici, il dipendente protagonista della vicenda era ormai solito sfruttare ogni situazione problematica per infamare i vertici aziendali, mostrando una evidente conflittualità che certamente è in grado di ledere la fiducia riposta dal datore di lavoro nei confronti del lavoratore stesso.

=> Normativa su licenziamento per assenze ingiustificate