Dirigenti scolastici sul piede di guerra

di Teresa Barone

scritto il

Mobilitazione dei dirigenti scolastici che chiedono il riconoscimento del lavoro svolto.

Chiedendo un incontro in tempi brevissimi con il Ministero dell’Istruzione, i dirigenti scolastici hanno proclamato lo stato di mobilitazione della categoria attraverso FLC Cgil, CISL Scuola, UIL Scuola, SNALS Confsal, sottolineando la necessità che il loro lavoro venga riconosciuto.

=> Come cambia il ruolo dei dirigenti scolastici 

La mobilitazione mira a sottolineare che gli impegni assunti il 4 dicembre 2014 dal Governo non sono stati rispettati: in particolare, come si legge nella nota:

«I fondi contrattuali per il salario accessorio vengono tagliati; la retribuzione dei Dirigenti Scolastici continua a diminuire; i contratti regionali non sono certificati dal Mef che cerca di imporre una diminuzione della retribuzione pensionabile e della buonuscita; non trova soluzione la sperequazione interna; si allontana l’equiparazione esterna; le condizioni di lavoro peggiorano e le responsabilità aumentano.»

=> Anp: vademecum per i dirigenti scolastici

Una situazione considerata di estrema gravità che, secondo quanto annunciato dalle sigle sindacali, porterà all’organizzazione di un presidio nazionale dei dirigenti scolastici davanti al Miur in data mercoledì 9 marzo.