Limiti ai controlli sugli smartphone aziendali

di Teresa Barone

scritto il

Dal Garante della Privacy arrivano indicazioni precise sui controlli effettuati dai datori di lavoro sugli smartphone aziendali.

I datori di lavoro non sono autorizzati ad accedere, in modo indiscriminato, alle email e ai dati personali contenuti negli smartphone dati in dotazione ai dipendenti.

=> Garante Privacy: si alla geolocalizzazione dei lavoratori

Lo ha ribadito recentemente il Garante della Privacy nella newsletter del 17 febbraio scorso, sottolineando come questa condotta sia illecita e punibile attraverso apposite sanzioni.

Il Garante ha imposto questo tipo di divieto a una multinazionale, sottolineando che:

«Il datore di lavoro – si legge nella comunicazione ufficiale del Garante – pur avendo la facoltà di verificare l’esatto adempimento della prestazione professionale ed il corretto utilizzo degli strumenti di lavoro da parte dei dipendenti, deve in ogni caso salvaguardarne la libertà e la dignità, attenendosi ai limiti previsti dalla normativa. La disciplina di settore in materia di controlli a distanza, inoltre, non consente di effettuare  attività idonee a realizzare, anche indirettamente, il controllo massivo, prolungato e indiscriminato dell’attività del lavoratore.»

Per quanto riguarda i lavoratori, devono essere sempre informati chiaramente e dettagliatamente in merito alle modalità di utilizzo degli strumenti aziendali, così come riguardo le eventuali verifiche.

Fonte immagine: Shutterstock

I Video di PMI

Partite IVA dipendenti