Uso e abuso del pc aziendale

di Teresa Barone

scritto il

Legittimo il licenziamento per chi abusa della connessione Internet in azienda per uso personale.

Rischia il licenziamento il dipendente che fa un uso smodato del pc aziendale, utilizzando la connessione Internet per scopi che esulano dall’attività professionale.

=> Tecnologia e privacy sul lavoro

Lo sottolinea la Corte di Cassazione con una sentenza recente (14862/2017), ribadendo come il licenziamento per giustificato motivo soggettivo debba essere considerato legittimo qualora un lavoratore abusi delle risorse tecnologiche aziendali (in particolare utilizzando la connessione Web per circa 45 ore complessive nell’arco di due mesi).

=> Jobs Act: legittimo controllare i dipendenti a distanza 

La sentenza precisa, inoltre, che i controlli messi in atto dal datore di lavoro per verificare un comportamento illecito da parte del dipendente non hanno in alcun modo violato la regole previste dall’articolo 4 dello Statuto dei Lavoratori: non vi è stata, infatti, alcuna violazione della privacy del lavoratore in quanto i dati rilevati non rientrano tra quelli personali ma riguardano sostanzialmente i dettagli del traffico di connessione, senza alcun monitoraggio delle preferenze di navigazione.

Fonte immagine: Shutterstock

I Video di PMI

Partite IVA dipendenti