Tratto dallo speciale:

HR: i vantaggi del recruiting 4.0

di Chiara Basciano

scritto il

I benefici della tecnologia sul comparto delle risorse umane.

A leggere i i risultati dell’ultima ricerca AIDP-LabLaw, curata da Doxa, emerge la conferma che l’impatto della tecnologia sul comparto Risorse Umane si fa sempre più sentire. Anche se, come sottolinea Isabella Covili Faggioli, Presidente AIDP:

La decisione finale sui candidati rimane un imprescindibile fattore umano.

Secondo i dati, le HR beneficiano dell’innovazione tecnologica soprattutto in ambito di selezione (65%), seguita da formazione (37%) e valutazione della performance (31%).

Nell’ambito della fase di recruiting, i processi si sveltiscono grazie all’automazione di passaggi ripetitivi, come analisi dei curricula e risposte ai candidati.

A trarne vantaggio è anche l’accuratezza delle interviste effettuate.

Per quanto riguarda l’ambito formativo, i vantaggi sono visibili nell’utilizzo di piattaforme e-learning e nell’uso di programmi online.

Il report prevede anche l’intensificarsi dell’utilizzo di Virtual Trainer nel futuro prossimo.

La valutazione delle performance migliora invece grazie all’utilizzo di sistemi di machine learning (69,3%) e consente ai manager delle risorse umane di fare previsioni più accurate tramite algoritmi predittivi (10,26%).

Processi più accurati e più veloci quindi, che possono aiutare i lavoratori del settore ad avere un controllo più capillare delle informazioni e a concentrarsi su quello che davvero conta.