Recruiting: quanto conta l?aspetto fisico dei candidati?

di Teresa Barone

scritto il

L'impatto della bellezza dei candidati sulla selezione del personale illustrato da un gruppo di ricercatori dell?Università di Messina.

La bellezza fisica dei candidati influisce sull’esito del colloquio di lavoro? O meglio, gli aspiranti nuovi assunti che appaiono più attraenti in foto hanno più chance di essere convocati per un colloquio? La risposta è si, stando almeno a quanto afferma un gruppo di ricercatori dell’Università di Messina.

=> Scopri l’efficacia della strategia del silenzio nel colloquio di lavoro

Lo studio, finalizzato a verificare l’impatto della bellezza fisica sull’occupabilità delle persone prendendo in esame la prima fase del processo di assunzione, sostiene che i responsabili della selezione del personale sono maggiormente portati a contattare i candidati che appaiono attraenti, soprattutto se di sesso femminile, accantonando inconsapevolmente i curricula dei colleghi meno piacenti, dei quali solo il 7% è destinato a trovarsi faccia a faccia con il recruiter.

Le caratteristiche estetiche rappresenterebbero quindi un fattore discriminatorio, e non solo: secondo gli studiosi la bellezza incide in misura maggiore rispetto alla razza, come si legge nel white paper pubblicato dai ricercatori:

«La discriminazione razziale sembra essere statisticamente rilevante, ma meno della discriminazione basata sulle caratteristiche fisiche, in particolare per le donne.»

=> Scopri tutti i consigli per la selezione del personale

Questa teoria che scaturisce da un esperimento basato sull’invio di poco più di 11mila falsi curricula come risposta a oltre 1500 alcuni annunci di lavoro pubblicati in diverse Regioni italiane, candidature monitorate tra l’agosto 2011 e il settembre 2012 e accompagnate da foto spesso ritoccate graficamente in modo da renderle in linea con gli attuali canoni estetici della bellezza femminile.

I Video di PMI

Guida alle ferie aziendali