Il profilo social è il nuovo curriculum

di Teresa Barone

scritto il

Sempre più responsabili HR scrutano il profilo virtuale di un candidato piuttosto che il suo curriculum vitae. Ecco perché.

L’aggiornamento del curriculum vitae diventa una procedura sempre più obsoleta, così come cresce il numero di responsabili delle risorse umane che si affida ad altri strumenti per reclutare nuovi talenti.

=> Leggi come trovare talenti qualificati

Si parla del profilo social, delle informazioni personali e professionali diffuse attraverso i social network che stanno progressivamente modificando le metodologie alla base della selezione del personale

Secondo una recente ricerca condotta dalla società di recruiting statunitense HiringSolved, solo un quarto di coloro che cercano lavoro negli USA aggiorna il curriculum più di una volta all’anno, probabilmente proprio perché la ricerca e la valutazione dei candidati avviene attraverso modalità non convenzionali.

«L’utilizzo del profilo di social media al posto del curriculum rappresenterà la presto normalità per le assunzioni. I profili sociali contengono spesso informazioni più accurate e aggiornate riguardo le competenza di una persona, fornendo un quadro più completo rispetto al solo curriculum.»

=> Scopri tutti i consigli per la selezione del personale

Il social recruiting consente una maggiore trasparenza e una notevole interattività, ma cela anche non pochi problemi in materia di rispetto della privacy. Stando a quanto rivela la Social Recrui­ting Sur­vey 2013 con­dotta da Job­vite, ad esempiol, è LinkedIn a rappresentare un canale privilegiato per la ricerca di nuovo personale, seguito dal social network per eccellenza come Facebook e Twitter.