Manager alla ricerca del benessere emotivo

di Teresa Barone

scritto il

Cresce l'interesse verso la professione di analogista, esperto nella ricerca del benessere interiore sempre più indispensabile in tempo di crisi.

Migliorare la qualità della vita, e del lavoro, agendo direttamente a livello della sfera emotiva e riequilibrando eventuali instabilità, favorendo la conquista del benessere. Un obiettivo non facile da conseguire per coloro che esercitano la professione di analogista, una figura professionale riconosciuta solo recentemente e disciplinata attraverso la legge 4/2013.

=> Scopri perché la Mindfulness limita lo stress da lavoro

E con il perdurare della crisi, del precariato e della progressiva perdita di certezze professionali, i nuovi esperti di benessere interiore sembrano trovare ampi margini di azione: a sottolinearlo è lo stesso presidente dell’Accademia Internazionale delle Discipline Analogiche (AIDA), Stefano Benemeglio:

«Sempre più aziende per combattere la crisi scelgono di investire in corsi per i propri dipendenti e per i manager, la formazione passa dal benessere interiore, alla mindfullness, alla formazione sull’intelligenza emotiva.»

=> Scopri perché lavorare troppo causa depressione

Secondo il segretario generale di AIDA Armando Stano, inoltre, è proprio nel corso dell’ultimo triennio che si è verificata una netta crescita ai percorsi formativi finalizzati a migliorare il benessere emotivo, incremento del 20% al quale seguirà, nei prossimi due anni, un ulteriore aumento dovuto proprio al perdurare dell’incertezza economica che ancora caratterizza la penisola.