Giovani dipendenti e miti da sfatare

di Teresa Barone

scritto il

Stereotipi da abbattere e falsi miti sui giovani lavoratori: ecco come sono veramente i millennials, e cosa vogliono.

L’immagine dei giovani dipendenti tracciata dai datori di lavoro non corrisponde sempre alla realtà. Spesso, infatti, i “millennials” vengono descritti come arrivisti e privi dei valori solidi necessari per fare gruppo e sviluppare senso di appartenenza alla stessa azienda.

=> Chi sono i lavoratori più insoddisfatti?

Una recente ricerca condotta dalla Bentley University sembra sfatare non pochi miti e contrastare alcuni stereotipi diffusi: intervistando oltre mille giovani lavoratori, di età compresa tra i 18 e i 34 anni, gli studiosi hanno messo nero su bianco le reali aspettative e virtù dei giovani talenti.

Stando agli esiti della ricerca, ad esempio, i millennials utilizzano molto la tecnologia ma la comune credenza secondo cui preferiscono comunicare via sms, chat e simili, non corrisponde al vero. Oltre la metà dei giovani intervistati ha infatti ammesso di voler parare faccia a faccia con i colleghi, quando è possibile.

I lavoratori appartenenti alle generazioni più giovani, inoltre, sono fermamente convinti che lavoreranno per la stessa società molto a lungo, mostrando lealtà e dedizione nei confronti del loro datore di lavoro.

=> Scopri come guadagnarsi la lealtà dei dipendenti

Non sembra corrispondere al vero, infine, l’immagine dei millennials che vuole tutto e subito, pretendendo di scalare la vetta senza passare le inevitabili, e necessarie, tappe intermedie. La maggior parte dei giovani intervistati, infatti, ha ambizioni notevoli, come il desiderio di avviare un’attività in proprio.

I Video di PMI

Legge 104: agevolazioni per disabili e familiari