Cinque mosse contro il workaholism

di Chiara Basciano

scritto il

Come liberarsi dalla dipendenza da lavoro e ritrovare un nuovo equilibrio.

Avere passione per il proprio lavoro e impegnarsi al massimo è cosa buona e giusta, ma far diventare il lavoro l’unica ragione di vita è dannoso per la propria salute mentale e per chi ci sta intorno. Il nome utilizzato per definire tale dipendenza è workaholism e capire di esserci caduti è il primo passo per uscirne fuori.

=> Scopri il capo workaholic

Gli esperti di Hays Response hanno individuato cinque strategie utili soprattutto per i profili junior, che si trovano di solito in una situazione particolare, avendo voglia di fare carriera ma tendendo per questo a strafare. Come prima mossa Fabio Scarcella, Hays Response Manager, consiglia di pianificare il tempo evitando di considerare ogni elemento del lavoro di massima urgenza. Stabilire le priorità e rispettarle aiuterà a razionalizzare i compiti da svolgere quotidianamente.

=> Leggi chi sono i workaholic

Secondo consiglio è imparare a mettere da parte la tecnologia. Infatti pur essendo uno strumento essenziale nel mondo del lavoro lo smartphone ci fa essere sempre connessi, anche fuori dall’orario di lavoro. Imparare a non controllare le mail dopo una certa ora e dedicarsi allo svago è essenziale per recuperare energia. Altro consiglio essenziale è di non dimenticarsi degli altri, ma dedicarsi alle persone a cui si vuole bene, pianificando serate con amici o anche weekend fuori città.

=> Vai al test per workaholic

Così come non ci si deve dimenticare degli altri non ci si deve dimenticare di se stessi. Coltivare le proprie passioni, fare sport, gustarsi un buon libro e andare a cinema sono tutte cose che un workaholic dimentica troppo facilmente. Infine, quinto consiglio, è programmare una vacanza lontani dal mondo digitale, staccando davvero la spina per tornare a lavoro con mente sgombra e attiva.

Fonte immagine Shutterstock

I Video di PMI

Legge 104: agevolazioni per disabili e familiari