Due donne ai vertici e i profitti crescono

di Redazione PMI.it

scritto il

Se il CEO donna interagisce con altre donne nel CdA i profitti dell?azienda possono aumentare del 18%: lo afferma una ricerca della Bocconi.

Se l’azienda può contare su un Amministratore Delegato donna e sulla presenza di altre esponenti del sesso debole nel CdA, i profitti sono destinanti ad aumentare anche del 18%. Questa teoria è sostenuta da uno studio condotto all’interno dell’Università Bocconi da Alessandro Minichilli e Mario Daniele Amore.

=> Leggi i dati sulla presenza rosa nei CdA delle aziende italiane

La ricerca “Gender Interactions within the Family Firm”, che sarà pubblicata su Management Science, focalizza l’attenzione sui benefici che un Consiglio di Amministrazione a maggioranza rosa è in grado di portare alle aziende caratterizzate da una gestione familiare: se un CEO donna ha la possibilità di interagire con altre donne nel CdA, infatti, i profitti possono subire un incremento notevole.

Lo studio, che si basa sull’analisi di un database che comprende tutte le aziende italiane a controllo familiare e con fatturato che supera i 50 milioni di euro, sembra mostrare una maggiore incidenza di questo fenomeno nelle imprese di piccole dimensioni e nelle quali i consiglieri donna non appartengono alla famiglia che gestisce l’azienda stessa.

=> Scopri i dati delle donne manager partecipanti al WEF

Ecco che cosa sostengono gli studiosi che hanno guidato la ricerca:

«Primo, la presenza di consiglieri donne può far crescere l’autostima delle Amministratrici Delegate, in un ambito come quello della leadership aziendale, che è considerato tipicamente maschile. Secondo, la cultura aziendale più attenta alle specificità femminili che deriva da una maggiore presenza delle donne nel consiglio di amministrazione può incoraggiare la cooperazione e lo scambio di informazioni al più alto livello, migliorando così la qualità della consulenza fornita dal consiglio di amministrazione.»