Sfiducia e disinteresse per il Jobs Act

di Chiara Basciano

scritto il

I manager non sono condizionati dalla riforma nella fase di ricerca del lavoro.

Dovrebbe avere un impatto importante sulle carriere e per questo essere seguito con interesse, ma il Jobs Act non risulta interessante agli occhi dei manager, tanto che il 32,3% non conosce il contenuto della nuova Legge sul lavoro in Italia.

=> Leggi cosa cambia per i dirigenti

Secondo la ricerca di Michael Page i manager non si dichiarano molto impressionati dalla riforma, e il 75,5% degli intervistati non pensa che avrà alcun impatto sulla ricerca del lavoro. Una percentuale minore, il 24,5%, invece ne mette in evidenza l’utilità e pensa che la riforma lo aiuterà a trovare un lavoro, in particolare il 17,4% a tempo indeterminato, mentre solo il 2% a tempo determinato.

=> Vai a pregi e difetti del Jobs Act

Analizzando le priorità dei candidati durante la fase di negoziazione per un nuovo impiego, tenendo conto del Jobs Act, la retribuzione rimane il tassello più importante. Il 53,2% pensa che poter contrattare su uno stipendio superiore del 20% è la discriminante da tenere in considerazione. Seguono più mesi di indennizzo in caso di licenziamento illegittimo da parte del datore di lavoro, per il 16,2% ed il riposizionamento all’interno dell’azienda in caso di licenziamento illegittimo (15%) e il mantenimento delle condizioni del vecchio contratto per un certo periodo (10,8%).

=> Scopri le novità sul controllo dei dipendenti

In ogni caso il 50,2% non pensa che la riforma potrebbe condizionare la ricerca del lavoro, dimostrando la sfiducia generale nei confronti del mondo politico.

I Video di PMI

Legge 104: agevolazioni per disabili e familiari