Lavoro e reddito: quanto siamo soddisfatti?

di Teresa Barone

scritto il

I dati Istat sulla soddisfazione degli italiani in tema di condizioni economiche e lavoro.

La maggioranza degli italiani sembra considerare poco soddisfacente la propria condizione economica nel 2015, una fetta di cittadini che comunque è in calo rispetto all’anno precedente (51,3% contro 54,6%).

=> Mutui alle famiglie raddoppiati nel 2015

Lo si evince dal rapporto Istat dedicato alla “Condizione economica, vita quotidiana e consumi delle famiglie”, indagine che rivela anche una diminuzione della percentuale delle famiglie che dichiara di aver notato un peggioramento della situazione economica personale (42,1%), mentre cresce la quota di coloro non hanno riscontrato alcuna variazione (52,3%).

Le tabelle Istat informano anche per quanto riguarda la soddisfazione della situazione lavorativa: se a essere ottimisti sono il 74,8% degli occupati, in linea con quanto rilevato nel 2014, si evidenzia un sensibile gap tra Nord e Sud:

«A livello territoriale, si evidenzia il divario fra Nord e Sud, soprattutto se si analizzano le quote di chi esprime il livello più alto di soddisfazione lavorativa, si passa dall’oltre il 16 per cento del Nord, al 10% delle Isole. Il confronto dei giudizi espressi dagli uomini e dalle donne mostra come la quota degli occupati molto o abbastanza soddisfatti sia inferiore a quella delle occupate (73,6% rispetto al 76,5% delle donne) e questo si evidenzia per tutte le ripartizioni, ad eccezione delle Isole, dove la percentuale dei soddisfatti e delle soddisfatte è pressoché la stessa.»