Esperienze oltre confine

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Un curriculum ricche di esperienze viene sempre apprezzato, ecco cosa succede quando si parla di esperienze all'estero.

Tra le esperienze lavorative che possono essere intraprese al giorno d’oggi, ce n’è una tra tutte molto ambita.

=> Lavoro: come fare carriera all’estero

Più precisamente si parla dell’esperienza lavorativa da intraprendere all’estero, anche se questo tipo si esperienza può spaventare. Riuscire a completare questo tipo di esperienza porta moltissimi benefici, qualsiasi sia la figura professionale che si occupa e il paese scelto, lavorare all’estero sviluppa competenze e capacità molto apprezzate dai datori di lavori italiani.

=> Estero, quando si cerca lavoro

Inoltre spesso intraprendere una esperienza lavorativa all’estero non è solo una fase di passaggio, ma diventa con il tempo un vero e proprio posto fisso. Tutto ciò però non importa, qualsiasi sia lo scopo per cui si intraprende questa esperienza è importante sapere quali sono le capacità che si possono sviluppare. Le stesse capacità che devono essere messe in luce, quando si ricerca nel proprio paese un posto di lavoro. La competenza principale che ovviamente si acquisisce è la conoscenza della lingua. Una conoscenza che non si limita ad essere soltanto basilare, ma si parla di una conoscenza perfetta e completa. Inoltre si sviluppa la capacità di lavorare in un team multiculturale, migliorando anche l’adattamento e la capacità di osservare oltre le diversità e sviluppare una comunicazione efficiente. Lavorare all’estero sviluppa tutto ciò che non è possibile sviluppare in Italia, anche soltanto trovarsi in un luogo differente, con differenti abitudini e obiettivi, sviluppa elementi che partono dalla pazienza, all’adattamento, alla comunicazione, alla flessibilità e alla voglia di migliorarsi.

=> Estero e figure professionali

L’estero mette a disposizione moltissime opportunità di lavoro, spesso non presenti in Italia, per questo se si hanno le possibilità è importante vivere un’esperienza fuori dal proprio paese. Tutto questo per un datore di lavoro significa moltissimo, in quanto aver lavorato all’estero significa avere competenze che spesso molti altri candidati non hanno. Per questo i datori di lavoro, avranno più fiducia ad assumere un candidato, che tra le esperienze lavorative, ha sviluppato un periodo in un paese estero. 

 

I Video di PMI

Legge 104: agevolazioni per disabili e familiari