Il peso del coach

di Chiara Basciano

scritto il

Quanto conta la presenza del coach nel benessere aziendale e del manager.

Spesso si pongono paragoni azzeccati tra lo sport e il mondo dei manager. Questo perché serve lo stesso tipo di tenacia. Ma anche perché la formazione deve essere in entrambe i casi continua. Il coaching per esempio è presente in tutti e due gli ambiti.

=> Scopri il coach manager

Come esiste l’allenatore per lo sportivo è bene che il manager abbia il suo proprio coach. Il ruolo del coach essenzialmente è quello di fornire un feedback delle prestazioni del manager, aiutandolo a pianificare il suo sviluppo in modo da migliorarne le competenze. Per essere un buon coach non c’è bisogno di essere un esperto nel campo, è sufficiente voler aiutare qualcuno a raggiungere obiettivi di alto livello.

=> Leggi il coach per il business

Di solito il rapporto tra coach e manager viene strutturato focalizzandosi su aree di miglioramento ed intraprendendo sessioni di training. Ma il coach deve creare anche un rapporto empatico col il manager che allena, incoraggiandolo nei momenti di maggiore difficoltà. In alcuni casi il lavoro del coach invece è necessario in ambienti di lavoro con difficoltà da risolvere, in questo caso lo sguardo deve essere più largo. Con il supporto del coach si possono tentare nuove strade ed affrontare anche quelle più rischiose. Questo significa convincere i lavoratori a riflettere sulle proprie esperienze, trovare il modo di imparare dagli altri, sfidare se stessi e imparare a fare cose nuove.

=> Vai al coaching virtuale

La sua funzione di supporto può essere fondamentale in contesti che non riescono ad evolversi o a manager che sentono troppo il peso delle loro responsabilità. Un po’ allenatore sportivo, un po’ psicologo, il coach ha mille applicazioni. Ogni contesto può sfruttarne le potenzialità in maniera diversa.

Fonte immagine Shutterstock

I Video di PMI

Aliquote IRPEF e scaglioni di reddito