Investimenti record per l’energia rinnovabile

di Rosaria Di Prata

scritto il

In crescita nel mondo gli investimenti in energie rinnovabili, con Usa e Cina in testa; l'Italia punta invece sul solare.

L’energia rinnovabile continua il suo percorso, infatti, nonostante la crisi il business continua a far registrare dati incoraggianti. In tutto il mondo gli investimenti nell’anno 2011 hanno fatto registrare la cifra di 260 miliardi di dollari. L’energia solare è il settore che continua a riscuotere maggiore successo e gli investitori decidono sempre pi di dare spazio alla ricerca per nuove tecnologie.

Gli Usa hanno fatto un enorme passo in avanti rispetto alla Cina con 55,9 miliardi di dollari investiti. L’investimento e il risparmio energetico sono cresciuti del 17% e questo ha consentito anche una discesa dei prezzi nel settore solare e quindi una maggiore accessibilità da parte del mercato.

L’Europa registra una crescita del 3% e in Germania, in modo particolare un comparto trainante è l’eolico off shore. A livello globale ciascun paese continua la sua corsa verso l’ammodernamento dei sistemi per la fornitura di energia attraverso le fonti rinnovabili, l’India ha conseguito un investimento pari al 52% un dato importante e piuttosto significativo che consente di sottolineare come diventi sempre più pressante la necessità di salvaguardare anche la salute dell’ambiente.

Per l’Italia ottimi risultati si sono riscontrati nel solare, l’aumento di richiesta crea anche occupazione e questo dato risulta essere anche molto incoraggiante per contrastare la crisi. Ricerca, investimenti, occupazione seguono la medesima linea che tra l’altro accede a quella della tutela ambientale considerati gli alti tassi d’inquinamento registrati negli ultimi anni. Sempre più aziende scelgono di investire nel solare e avere così una produzione energetica rispettosa ma soprattutto a costo zero. L’investimento iniziale, rispetto ad un decennio fa, risulta essere facilmente ammortizzabile e questo lascia libero accesso a questo settore.

I Video di PMI

Google Analytics: attenzione alla Frequenza di Rimbalzo!