Agli italiani piace lo shopping on line

di Chiara Basciano

scritto il

Continua a crescere il settore e-commerce in Italia, soprattutto tramite dispositivi mobile.

Non solo gli italiani provano sempre meno diffidenza nei confronti dell’e-commerce, ma si preparano a costruire un mercato trainante in questo settore. A rivelarlo è lo studio condotto da Centre for Retail Research per RetailMeNot il cui scopo è quello di capire lo stato dell’e-commerce in tutto il mondo.

=> Vai al boom e-commerce

Secondo le previsioni chi utilizza i canali dell’e-commerce arriverà ben presto a fare almeno un acquisto on line al mese spendendo una media di 53 euro. Inoltre nel corso del 2015 un italiano su 5 ha acquistato online e il mercato e-commerce è cresciuto del 19%, in particolare il canale privilegiato appare quello mobile, infatti nel corso di quest’anno si avrà un’ulteriore impennata dell’e-commerce da smartphone e la spesa sarà in media si 352 euro, con una crescita dell’80%. In generale il volume di affari in Italia arriva a quota 7 miliardi e mezzo di euro, mostrando quindi il forte interesse verso il settore.

=> Leggi come avere nuovi clienti

Nonostante gli utenti del Regno Unito spendano più di quelli italiani è il nostro paese a mostrare una crescita maggiore, accanto a Polonia e Germania. Secondo lo studio, inoltre, entro il 2017, gli italiani spenderanno online il doppio rispetto al 2013, con un aumento del 93%, vale a dire da 5,30 a 10,25 miliardi di euro.

=> Scopri l’e-commerce manager

Giulio Montemagno, Senior Vice President International di RetailMeNot dichiara «I consumatori di oggi sono alla ricerca della miglior shopping experience possibile. Gli Italiani amano sempre di più fare acquisti online con i loro dispositivi mobile, soprattutto tramite smartphone. La velocità di diffusione dello shopping online tra i consumatori italiani è impressionante, e sottolinea come i retailer debbano essere pronti a reagire…e non solo sul web! È essenziale offrire una shopper experience, il più semplice e affidabile possibile dando priorità a un’esperienza omnicanale, capace di dare al consumatore la stessa offerta sia online che in negozio».

I Video di PMI

Google Analytics: attenzione alla Frequenza di Rimbalzo!