Bangalore vuol dire innovazione

di Chiara Basciano

scritto il

India al primo posto come polo di innovazione e tecnologia.

La corsa dell’Asia continua ad essere sfrenata, se fino a poco tempo fa la sua crescita spaventava i concorrenti adesso è chiaro che quella corsa ha portato i paesi orientali a vincere e mani basse. È soprattutto la tecnologia ad aver portato a questo sorpasso, ma non solo.

=> Scopri l’India dell’innovazione

Si tratta di tutto un sistema in cui si punta ad un miglioramento del Paese. Basti pensare che la classifica stilata dal World Economic Forum piazza Banagalore al primo posto tra le città più dinamiche dell’ultimo anno. I criteri secodno cui la città ha vinto non riguardano solo l’innovazione, ma anche la formazione, lo sviluppo immobiliare ma anche l’attenzione per l’ambiente, in primis la qualità dell’aria.

=> Leggi come incoraggiare l’innovazione

Le 42 variabili analizzate hanno studiato elementi di crescita sia a breve che a lungo termine e l’India è riuscita a piazzarsi al primo posto proprio per la sua programmazione accurata e l’attenzione ad elementi di diverso tipo. E se tutto questo non bastasse per capire quanto l’Asia conti in questo momento storico allora si sappia che al secondo posto si piazza Ho Chi Minh City, in Vietnam e solo al terzo posto arriva la tanto osannata Silicon Valley di San Francisco.

=> Vai ai trucchi della Silicon Valley

Se quest’ultima è ancora sinonimo di innovazione e progresso Bangalore gli sta con il fiato sul collo. L’attenzione nei confronti della creatività sembra essere ancora il punto di forza del polo americano, ma essa diventa niente quando la scuola inizia già dai primi anni a porre la giusta attenzione nei confronti della crescita dei ragazzi. Le future generazioni indiane promettono di sbaragliare gli avversari senza problemi.

Fonte immagine Shutterstock