Tratto dallo speciale:

Mobile Advertising: è boom in Italia

di Francesca Vinciarelli

scritto il

L'indagine IAB Italia sui comportamenti e il sentiment degli addetti ai lavori nei confronti del mobile advertising.

IAB Italia ha presentato i risultati italiani della ricerca europea sul mobile advertising, che offre sempre maggiori opportunità anche alle imprese del nostro Paese. L’indagine sul mobile advertising è stata svolta da IAB Europe in Francia, Germania, Italia, Spagna e Regno Unito. Ne è emersa una grande attenzione da parte delle imprese italiane alle opportunità offerte dal segmento mobile, che viene ritenuto uno strumento sempre più cruciale, da conoscere e utilizzare e in grado di attrarre nuovi budget.

=> Mobile Marketing, mercato 2014 e trend 2015

Lo scorso anno gli investimenti in mobile advertising sono cresciuti del +50%, raggiungendo quota 290 milioni di euro, una quota pari al 14,5% di tutti gli investimenti in internet advertising. Di questi investimenti ben oltre la metà del budget (il 55%) proviene da investimenti che negli anni passati erano destinati ad altri media, mentre il 30% è rappresentato da nuovi budget, stanziati appositamente per questo segmento. Il 70% degli intervistati ha rivelato che il mobile advertising è ormai diventato parte integrante delle proposte commerciali.

=> Gli strumenti di Marketing digitale per il Retail

Tra gli aspetti più interessanti da approfondire in questo tema vengono individuati:

  • dal 47% degli intervistati la mobile privacy;
  • dal 41% la pianificazione su mobile;
  • dal 35% la Brand Safety.

In relazione ai risultati emersi dall’indagine, Michele Marzan, Vice Presidente IAB Italia, sottolinea:

«Il Mobile ha fatto registrare negli ultimi anni ottime performance. Insieme al Programmatic e al Video è certamente uno dei trend trainanti di tutto il nostro comparto. Allo stesso tempo, però, la ricerca ha evidenziato l’esistenza di barriere da superare: prima fra tutte la scarsa comprensione dei vantaggi del mobile Adv da parte del cliente, seguita da una mancanza di integrazione nelle campagne a più ampio spettro e soprattutto di sistemi chiari di misurazione. Come Associazione il nostro compito è quello di supportare tutta la Industry con attività di formazione mirate e di lavorare insieme a tutti gli stakeholder nella definizione di metriche standard per la misurazione dei risultati. I dati sono sicuramente incoraggianti ed è quindi importante continuare a valorizzare questo segmento».

Per ulteriori informazioni consultare la ricerca europea.

I Video di PMI