Streamit Japan: la TV online del Made in Italy

di Noemi Ricci

scritto il

Lanciata ufficialmente Streamit Japan, piattaforma televisiva online che promuove il Made in Italy in Giappone e favorisce l'internazionalizzazione.

I mercati del Sol levante costituiscono un grande potenziale di crescita per le imprese che vogliono internazionalizzarsi. In quest’ottica è nata Streamit Japan, piattaforma TV online del Made in Italy appena inaugurata a Tokio.

La diffusione dei 15 canali tematici in banda larga mira a promuovere la commercializzazione dei prodotti italiani puntando sull’efficacia di uno strumento dai costi contenuti quale è l’e-commerce.

Le imprese italiane potranno amplificare la propria capacità di penetrazione andando a raggiungere 120 milioni di potenziali clienti da tempo abituati alla vendita per corrispondenza.

Per chi crede nel potere dei numeri, è significativa la data di lancio della piattaforma: 11 gennaio 2011 alle ore 11 (in Giappone, le 3 in Italia), anche se il servizio è segnalato come work in progress e sarà attivato gradualmente. I contenuti trasmessi verranno tradotti in giapponese o sottotitolati.

Ora i consumatori giapponesi possono essere raggiunti dalle imprese italiane operative nei settori Moda, Arte, Alimentare e Manifatturiero che decidano di pubblicizzare la propria attività in modo innovativo, ma anche quelle del turismo che promuovendo le proprie strutture potranno portare i consumatori direttamente nel nostro Paese.

Il progetto, promosso dal Japan External Trade Organization (Jetro) di Tokyo, Simest, Ambasciata italiana a Tokyo e Camera di Commercio italiana in Giappone, permetterà alle imprese di qualsiasi dimensione di trovare collaborazioni mirate e strutturate, finalizzate ad avviare il processo di internazionalizzazione. Le imprese potranno inoltre contare sul supporto di Walliance e di partner specializzati nella logistica, negli aspetti legali e legati all’importazione e alla distribuzione nell’area Giappone.

Articoli correlati

Link utili

I Video di PMI

Google Analytics: attenzione alla Frequenza di Rimbalzo!