Da Iab Italia le regole d’oro per l’email marketing

di Chiara Bolognini

scritto il

In arrivo un codice di autodisciplina rivolto agli operatori del settore per proteggere i consumatori dallo spamming indesiderato e assicurare una positiva esperienza online

Fastidioso spamming addio, per regolamentare l’email marketing è in arrivo un decalogo di Golden Rules.

L’annuncio è stato dato da IAB Italia, che intende promuovere l’adozione di un codice di autodisciplina rivolto agli operatori di questo ambito della comunicazione con l’obiettivo di tutelare i diritti dei consumatori.

Dal punto di vista tecnico, le golden rules favoriranno la deliverabilità della mail attraverso una migliore collaborazione con gli ISP, offrendo ai clienti maggiore protezione da messaggi indesiderati.

Una volta stabilite le norme di comportamento, sarà più facile distinguere e tutelare gli operatori corretti da coloro che realizzano attività di spamming.

Le norme proposte dal decalogo IAB si rifanno a best practices normalmente utilizzate per realizzare campagne di email marketing e a casi applicativi delle norme di legge in materia di comunicazione commerciale.

Sono divise in due sezioni:

  • Norme generali di buona condotta: le regole preliminari, come la massima trasparenza nelle comunicazioni con i clienti, cui ogni operatore è invitato a ispirare la propria condotta;
  • Norme obbligatorie: la sezione che include le regole, tecniche e organizzative, che vanno adottate per esercitare al meglio le azioni di email marketing.

Come ha dichiarato Layla Pavone, presidente IAB Italia, «Iab Italia ha dunque voluto impegnarsi su questo fronte per consentire ai consumatori una esperienza online sempre più soddisfacente».