Come posizionarsi su Google con mappe, foto, video, news o prodotti

di Marco De Alberti

scritto il

Il 70% dei risultati di ricerca nella Universal Search di Google contiene anche immagini, video, mappe e news: consigli pratici per migliorare il posizionamento sui motori di ricerca delle PMI online.

Sui motori di ricerca, in particolare Google, la Universal Search premia anche news, mappe, immagini, video e da poco anche l’e-commerce.
Una recente indagine IULM-Bruce Clay Italia rivela che su 16 link mediamente contenuti in una pagina Google di risultati di ricerca, 3 sono di tipo “universal” cioè relativi a news, immagini, video, mappe, ecc. Dunque, su 100 SERP (le pagine-risultato delle ricerche su Google):

  • oltre il 40% contiene immagini
  • il 36% contiene news
  • il 30% comprende video
  • il 22% presenta mappe

Nel suo intervento allo SMAU di Padova, Luca Bove (Im Evolution) ha sintetizzato i meccanismi della Universal Search Optimization su Google.

Si tratta di uno scenario strategico, perché sempre più spesso gli utenti – 22 milioni gli Italiani che usano regolarmente i motori online (dati ComScore DATAGEM) – ricercano informazioni specializzate: immagini per visualizzare prodotti, news per avere aggiornamenti in tempo reale, video per informarsi e divertirsi, mappe per localizzare punti vendita, alberghi, ristoranti e così via.

La percentuale di click su di un link “universal” è fino al 40% superiore rispetto a un tradizionale link testuale. Buono a sapersi per le aziende che cercano visibilità online. Quali dunque i consigli pratici per apparire nelle pagine di ricerca con un elemento “universal”?

Mappe

Bisogna innanzitutto registrarsi al servizio Google Places, dove è possibile geo-referenziare la propria attività sulle Mappe di Google. È necessario curare bene i dati inseriti: indirizzo, nome attività, descrizione, categoria merceologica.

Per avere adeguata visibilità su Google, è poi importante ottenere delle recensioni positive da parte di utenti, oppure link che puntano alla mappa o al sito.

In alcuni settori, le ricerche locali – cioè quelle che danno come risultano una mappa – sono importantissime. Ad esempio, per quanto riguarda gli Hotel il 42% degli utenti si affida ad una mappa per scegliere dove andare.

Si tenga conto che Google Places non è l’unica fonte da cui Google “pesca” le mappe. Ci sono anche le Pagine Gialle, o le mappe generate dagli utenti, ad esempio in siti o portali di viaggi come Tripadvisor.

Case histories di successo – soprattutto nel Turismo – rivelano quanto premi curare le proprie mappe online: le visite crescono anche del 30-35%.

Immagini

Le foto sono fondamentale per il successo di alcune attività Web come ad esempio Turismo, Gastronomia, Moda e Abbigliamento. Ecco alcuni suggerimenti utili per migliorare il posizionamento delle vostre immagini.

In ogni foto deve esserci titolo e “testo alt” che viene visualizzato quando l’immagine è disattivata dai browser o è crashata.

Deve esserci una didascalia che contenga le parole-chiave che vogliamo evidenziare e un link al sito (o pagina interna) che intendiamo promuovere.

Bisogna cercare di ottenere link verso la foto, diffondendola ma stando attenti all’inevitabile fenomeno delle copie pirata.

Video

La diffusione dei video online è fenomeno consolidato nell’era post-Youtube e, in effetti, la fonte primaria dei video che appaiono su Google è proprio Youtube (che casualmente appartiene a Google…). Ci sono altre fonti ma è chiaro che se volete apparire nei risultati delle ricerche di Google dovete inserire un video su questo portale! Anche in questo caso ecco alcuni suggerimenti utili per ottimizzare i video per i motori di ricerca.

Nel titolo vanno inserite le parole-chiave opportune. Ad esempio, se voglio promuovere un vino frizzante come il prosecco potrei titolare il mio video: “Prosecco doc: come si produce e dove comprarlo”.

Lo stesso vale per la descrizione che deve anch ‘ essa fare riferimento alle parole-chiave e avere un link verso il sito che intendiamo promuovere.

Bisogna poi ottenere link verso il nostro video oppure avere il nostro video embeddato in qualche altro sito, ovvero inserito in un frame e visualizzabile, ma con un link che rimanda alla fonte del video stesso.

News

Da anni Google si è “specializzato” nel canale Notizie con Google News e, sempre più di frequente, presenta anche nelle SERP risultati che provengono da questa fonte. Questo avviene soprattutto quando le ricerche riguardano eventi o fatti di attualità.

Come fare per avere una notizia inserita in Google News? Ci sono due strade percorribili.

1. Si chiede a Google di essere inseriti in una delle sue 250 fonti circa in Italia, da cui “pesca” costantemente notizie. Bisogna avere un sito editoriale di qualità, affidabile e aggiornato. E non sempre basta….

2. Si cerca di inserire la propria news – che deve essere originale e non scopiazzata – su un sito editoriale che è già fonte di Google News. Non ci sono solo grandi editori come Repubblica o Il Sole 24 ore, ma anche Webzine specializzate.

E-Commerce

Recentemente Google ha lanciato un altro motore specializzato che si chiama Google Shopping e che mostra agli utenti – per uno stesso prodotto – i vari siti di e-commerce che lo propongono, mostrandone la foto e facendo una comparazione di prezzi tra i vari negozi online.

Anche qui come nel caso delle mappe, per poter essere inseriti in questo nuovo motore, bisogna registrarsi ad un servizio specifico (Google Merchant).

Ormai la corsa ad apparire su questo nuovo motore “verticale” è aperta. Basta guardare cosa appare facendo una ricerca “shopping” su Google per una qualunque chiave.

__________

ARTICOLI CORRELATI

__________

In Collaborazione con Mercato Globale

I Video di PMI

La mia attività su Google my business: i dati che danno soddisfazione