Tratto dallo speciale:

Rottamazione cartelle con deduzione fiscale

di Redazione PMI.it

scritto il

Alcune somme versate per la rottamazione delle cartelle esattoriali si possono portare in deduzione dal reddito imponibile in dichiarazione dei redditi.

I contribuenti che hanno aderito alla rottamazione delle cartelle esattoriali possono portare in deduzione dal reddito imponibile in dichiarazione dei redditi parte delle somme versate ai fini dell’adesione alla definizione agevolata dei ruoli, prevista. La deducibilità spetta però nel solo caso in cui la rottamazione abbia avuto ad oggetto determinate tipologie di tributi/contributi o oneri:

  • contributi previdenziali e assistenziali deducibili IRPEF secondo quanto previsto a punto e) dell’art. 10 Tuir, versati in ottemperanza a disposizioni di legge, o facoltativamente alla gestione della forma pensionistica obbligatoria di appartenenza, compresi quelli per la ricongiunzione di periodi assicurativi e versati al fondo di cui all’articolo 1 del decreto legislativo 16 settembre 1996, n. 565;
  • tributi inerenti l’attività (diritto camerale, la tassa rifiuti, il canone di occupazione aree pubbliche, l’imposta di pubblicità, l’imposta di bollo, le tasse sulle concessioni governative, etc.) versati da professionisti o imprese aderenti al regime per cassa.

Sono invece esclusi dalla deducibilità gli oneri di riscossione e gli aggi. Più controversa la questione legata alla deducibilità degli interessi e le sanzioni dovute in caso di pagamento tardivo, sulla quale l’Amministrazione Finanziaria si è espressa nel tempo con pareri discordanti, mentre la Giurisprudenza (es. la Corte di Cassazione con la sentenza n. 12990/2007) si è più volte espressa in favore della piena legittimità della deduzione degli interessi relativi ad imposte non versate o versate in ritardo.

Rateazione

Poiché è possibile portare in deduzione solo le somme effettivamente pagate nell’anno di imposta di riferimento, in caso di rateazione degli importi dovuti ai fini della rottamazione, andranno indicati nella dichiarazione dei redditi solo le somme effettivamente pagate per ciascun anno.