Anomalie Redditi: nuovi avvisi fiscali

di Barbara Weisz

scritto il

In arrivo a 147mila contribuenti lettere di compliance dell'Agenzia delle Entrate su anomalie nell'applicazione degli studi di settore 2013-2015: cosa contengono gli avvisi fiscali bonari.

Anomalie nelle dichiarazioni 2013-2015 dei contribuenti che applicano gli studi di settore: il fisco sta inviando 147mila lettere di avviso con le informazioni relative alle incongruenze rilevate e l’invito a mettersi in regole. Si tratta delle comunicazioni di compliance che periodicamente l’Agenzia delle Entrate invia ai contribuenti per stimolare la regolarizzazione di posizioni fiscali.

=> Nuovi avvisi fiscali e strumenti di compliance

In questo caso le comunicazioni di anomalia riguardano l’applicazione degli studi di settore, i contribuenti le troveranno nel cassetto fiscale, tramite un avviso personalizzato, oppure tramite canale Entratel all’intermediario. Vengono contestata circa 70 diverse tipologie di errore in dichiarazione, legate ad attività di impresa o professionali. Ci sono anche incongruenze tra studio di settore presentato e gli elementi specifici dell’attività indicati nel modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell’applicazione degli studi di settore.

Sul sito dell’Agenzia dellle Entrate sono disponibili i fac simile di tutte le 70 tipologie di comunicazine che sono state inviate, dei testi dei messaggi inviati via sms e/o email/pec ai contribuenti, delle comunicazioni inviate agli intermediari e le risposte alle domande più frequenti pervenute negli scorsi anni. Dalla homepage si segue il percorso Cosa devi fare – Dichiarare – Studi di settore e  parametri – Studi  di  settore /Comunicazioni Anomalie 2017.

Le comunicazioni che vengono inviate ai contribuenti sono avvisi bonari, che contengono un invito a mettersi in regola: il contribuente può contrattare l’Agenzia delle Entrate per chiedere spiegazioni e chiarimenti, oppure utilizzare gli strumenti a disposizione per sanare l’irregolarità, come il ravvedimento operoso.

I Video di PMI