Tratto dallo speciale:

Cartelle esattoriali, interessi ridotti

di Noemi Ricci

scritto il

Cartelle esattoriali pagate in ritardo con interessi ridotti: il provvedimento delle Entrate con il nuovo tasso 2017.

L’Agenzia delle Entrate, con provvedimento direttoriale, ha comunicato i nuovi interessi di mora che si applicano alle cartelle di pagamento,che scendono ancora: il nuovo tasso per chi paga in ritardo è del 3,50%. I nuovi interessi ridotti per le cartelle esattoriali si applicheranno alle somme versate in ritardo dal 15 maggio 2017, a seguito della notifica di una cartella di pagamento.

=> Prescrizione cartelle esattoriali: guida

Si tratta degli interessi di mora che si applicano ai pagamenti, relativi a cartelle esattoriali notificate ai contribuenti, nel caso in cui non si provveda al versamento di quanto dovuto entro 60 giorni dalla notifica.

Ricordiamo che l’art. 30, D.P.R. n. 602/1973 prevede che, decorsi sessanta giorni dalla notifica della cartella di pagamento, sulle somme iscritte a ruolo, escluse le sanzioni pecuniarie tributarie e gli interessi, si applichino, a partire dalla data della notifica della cartella e fino alla data del pagamento, gli interessi di mora al tasso determinato annualmente con decreto del Ministero delle Finanze con riguardo alla media dei tassi bancari attivi.

=> Cartella esattoriale: cos’è, come e quando si paga

Tale tasso di interessi viene annualmente determinato con provvedimento del Direttore dell’Agenzia: nel 2016 era stato stabilito nella misura del 4,13% annuo (nel 2015 era del 4,88%), mentre quest’anno si scende al 3,50%.

I Video di PMI

Cartella esattoriale nulla: regole e sentenze