Detrazione box auto pertinenziale

Risposta di

Greta Rosatelli

scritto il

Alessandra chiede

È possibile sapere se la detrazione per l’acquisto di un nuovo box auto di pertinenza della prima casa può riguardare due box e non solo uno? Se non sbaglio la normativa parla di posti auto e box sottendendo il plurale.

Greta Rosatelli risponde

Tra le diverse spese che possono dar diritto al riconoscimento della detrazione del 50% come interventi per il recupero del patrimonio edilizio ci sono anche quelle per la realizzazione e/o acquisto di box pertinenziali.

La legislazione di riferimento – Circolare n. 121 del 11/05/1998 e seguenti aggiornamenti tra cui la Legge di Stabilità 2016 – riconoscono questo beneficio qualora si verifichi in priorità il requisito di pertinenza, certificato attraverso atto notarile, con immobile ad uso abitativo riconosciuto come prima casa.

Inoltre, tra i requisiti richiesti, figurano: il pagamento (che sia della costruzione o dell’acquisto di box) deve essere eseguito tramite bonifico cosiddetto parlante, cioè riportante nella causale la dicitura di ristrutturazione edilizia; se si realizza un box ex novo è indispensabile possedere le autorizzazioni edilizie necessarie, se invece, si acquista un box già esistente, si deve ottenere una certificazione da parte del costruttore dei costi relativi alla realizzazione dello stesso.

Questa dichiarazione si ritiene opportuna poiché, in realtà, si porterà in detrazione solamente il costo di realizzazione dello stesso e non tutta la spesa complessivamente sostenuta.

Per quanto riguarda il quesito posto, la normativa di riferimento non precisa il numero di box/autorimesse, acquistabili da parte dei singoli contribuenti, che danno diritto a detrazione; l’unico vincolo esplicitamente dato è quello del limite massimo di spesa riconosciuto per gli interventi di ristrutturazione edilizia (ad oggi, e per tutto l’anno di imposta 2016, di € 96.000).